Car of the YearOrganizzatore del premio
Car of the Year 2021

Aretè, italiani confusi su incentivi ed elettrificazione

Aretè, italiani confusi su incentivi ed elettrificazione

Secondo uno studio condotto da Aretè, a frenare la ripresa del mercato automobilistico è anche l'incertezza e la confusione su temi come incentivi ed elettrificazione

di Lorenzo Lucidi

8 giorni fa

Il mercato dell'auto in Italia stenta a ripartire, nonostante gli incentivi all'acquisto di vetture ecologiche e l'età del parco circolante tra le più elevate d'Europa. Uno dei motivi di questa situazione è lo stato di incertezza e confusione che regna tra gli automobilisti. È questo lo scenario che emerge dalla ricerca “cambiare l'auto oggi, che confusione” condotta da Aretè. Secondo il rapporto, infatti, solo il 12% degli italiani è pronto a cambiare la propria automobile nei prossimi mesi. La poca chiarezza di alcuni aspetti legati all'acquisto di una vettura – incentivi in primis – è uno dei freni alla ripresa del mercato.

Auto più vendute in Italia a settembre 2021: la top 10

Gli italiani continuano a preferire l'auto privata

Nonostante la diffusione dei mezzi in sharing e di soluzioni di mobilità leggera, come i monopattini elettrici, gli italiani continuano a preferire l'automobile privata per muoversi. Una tendenza confermata dai numeri riportati da Aretè: 7 italiani su 10 utilizzano quotidianamente l'auto per i propri spostamenti, mentre solo l'8% va a piedi o sfrutta i mezzi pubblici, il 6% va in bici e appena il 3% utilizza mezzi in sharing (di ogni tipo, dai monopattini alle auto). Ciononostante, il mercato delle vetture nuove continua a stentare.

Alla domanda “entro quando pensi di sostituire/acquistare un'auto?” soltanto il 12% ha risposto “entro la fine del 2021”. Un dato molto basso se si considera la presenza degli incentivi e che l'età media del parco circolante italiano è di ben 12 anni, una delle più elevate d'Europa. Il dato tuttavia migliora andando su tempi più lunghi: il 39% degli intervistati, infatti, pensa i sostituire o acquistare un'auto entro i prossimi 12 mesi.

Auto elettriche con più autonomia in autostrada: la classifica

Aretè, tanto interesse per le elettrificate

Inoltre, sono molti gli automobilisti interessati alle alimentazioni alternative, come spiega lo stesso presidente di Aretè, Massimo Ghenzer: “I dati del nostro studio confermano il forte interesse degli italiani per le alimentazioni alternative a basso impatto ambientale, ibride in primis. Dal mercato emergono alcune chiare richieste per accelerare la transizione verso l’affermazione di un modello di e-mobility. Un interesse, quello verso le vetture green, confermato dai dati dell'indagine: 5 italiani su 10 sono pronti a passare a una vettura ibrida, 2 su 10 a una elettrica, mentre gli altri preferiscono mantenersi sulle alimentazioni tradizionali. Tuttavia, solo il 30% acquisterebbe una vettura elettrificata per motivazioni ambientali: il 60% la sceglierebbe per ragioni di risparmio (consumi e manutenzione).

Ad accomunare il 70% degli intervistati, è la predilizione all'acquisto di una vettura nuova piuttosto che una usata. A far preferire un'auto nuova di zecca sono soprattutto la possibilità di disporre di motorizzazioni elettrificate (30% degli intervistati) e di tecnologie di ultima generazione (23%).

Prezzi carburanti, corre il metano con il caro-gas

Confusione sugli incentivi

Cos'è, allora, che frena gli italiani all'acquisto di vetture nuove, soprattutto quelle ecologiche? A spiegarlo è ancora una volta Ghenzer: Le politiche di continui stop&go da parte del Governo stanno disorientando gli automobilisti interessati all’acquisto di queste vetture. Serve poi ancora maggiore chiarezza da parte delle Case Automobilistiche nell’evidenziare al cliente le concrete differenze, tecnologiche e nell’esperienza di guida, tra le diverse motorizzazioni elettriche ed ibride”. È una situazione di grande confusione, quindi, a dissuadere i potenziali acquirenti, secondo il presidente di Aretè.

Secondo i dati emersi dallo studio, infatti, ben 4 italiani su 10 non hanno ben chiare le modalità di accesso agli incentivi, e il 6% non sa neppure cosa siano. Inoltre, la metà degli intervistati non crede che si tratti di una manovra sufficiente a far ripartire il mercato. Tuttavia, il costo ha un'importanza fondamentale nel processo di decisione di sostituzione dell'auto: alla domanda “cosa ti spingerebbe oggi ad acquistare una auto?”, la voce “prezzo accessibile” ha messo d'accordo il 71% degli automobilisti interpellati, ma c'è anche un importante 20% che chiede più chiarezza per poter scegliere con la giusta dose di consapevolezza.

Incentivi auto usate, Ecobonus per le Euro 6 dal 28 settembre

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi