E’ stato scongiurato il rincaro dei pedaggi autostradali sulla A24-25 previsto a partire dal 1 luglio. Lo ha annunciato il Ministero dei Trasporti con una nota, nella quale il dicastero comunica di aver chiesto e ottenuto dal concessionario Strada dei Parchi una sospensione dell’aumento che avrebbe portato  a un rincaro del 19% sui pedaggi dell’intera tratta autostradale che collega Lazio ed Abruzzo.

Il nostro approfondimento del Nuovo Codice della Strada

Rincari A24-25, sospensione temporanea

L’accordo è scaturito dopo giorni di trattative e costituisce, di fatto, una proroga al negoziato tra i due enti relativo alla realizzazione di un nuovo Piano economico e finanziario di gestione dell’Autostrada, provvedimento quest’ultimo chiesto più volte da Strada dei Parchi per attuare un piano di messa in sicurezza di strade e viadotti e un contenimento delle tariffe. Per questo motivo, la sospensione dei rincari è temporanea e durerà fino al 31 agosto, a meno di ulteriori proroghe.  Nella citata nota del Ministero, tuttavia, si precisa che le parti lavoreranno al raggiungimento di un’intesa nel corso dell’estate.

Nuovo Codice della strada: limite a 150 km/h in autostrada

Il Codacons: "Abolire del tutto i rincari"

La notizia dell’ulteriore congelamento degli aumenti sui pedaggi della A24-25 è stata accolta favorevolmente da Sindaci, istituzioni locali e cittadini che si erano mobilitati anche sui social network per scongiurare l’attuazione di un provvedimento che avrebbe rappresentato un autentico salasso per automobilisti e pendolari di Lazio ed Abruzzo “costretti” ad utilizzare l’Autostrada per gli spostamenti quotidiani. Esprime soddisfazione anche il Codacons. L’associazione a difesa dei consumatori, in un comunicato, auspica che “gli incrementi congelati sulla A24 e A25 siano aboliti del tutto, per evitare che a settembre si ripresenti lo stesso spettro che danneggerebbe in modo evidente i cittadini.”  

Traforo Gran Sasso: niente chiusura, si circola su una corsia