Un gesto di certo non inconsueto quello compiuto da un automobilista di Pistoia che ha segnalato, lampeggiando con gli abbaglianti, la presenza di un posto di blocco dei Carabinieri, alle vetture incrociate nei pressi di Viale Adua. “Sfortunatamente” però a bordo di una di queste c'era anche il comandante provinciale dei Carabinieri di Pistoia che ha provveduto a segnalare il comportamento dell'automobilista con conseguente multa a suo carico. Il motivo ve lo spieghiamo di seguito.

Il nostro approfondimento sul nuovo codice della strada

I motivi della multa 

La sanzione è scaturita dal mancato rispetto, da parte dell'automobilista, di quanto previsto dall'articolo 153 del Codice della Strada in merito all'utilizzo di dispositivi di segnalazione visiva-illuminazione dei veicoli a motore o rimorchi. La norma suddetta consente “l'uso intermittente dei proiettori di profondità per dare avvertimenti utili al fine di evitare incidenti e per segnalare al veicolo che precede l'intenzione di sorpassare”, fattispecie non rispettata in questo caso.

Guida senza patente: "Ai miei tempi non si usava"

Il comportamento dell'uomo – spiega il comandante - è stato molto grave poiché avrebbe potuto mettere in guardia dalla presenza dei carabinieri dei potenziali malviventi, sia in procinto di commettere un reato (o appena compiuto) sia per indurli a cambiare strada e quindi sottrarsi al controllo.” Lo stesso comandante ha anche precisato che i controlli stradali delle forze di polizie non hanno solo la funzione di elevare multe agli automobilisti indisciplinati ma anche di controllo del territorio e di prevenzione di eventuali reati.

Dunque, fate attenzione. Lampeggiare con gli abbaglianti, in circostanze del genere, può costarvi un'ammenda da 41 a 168 euro.