Da quando sono state rese note le modiche che il Decreto Semplificazioni ha apportato al Codice della Strada non sono mancate le polemiche. Anche ACI ha riscontrato delle criticità, espresse chiaramente in una nota e spiegate punto per punto. Ma tra tutte le novità che dobbiamo attenderci, quella che sta facendo il giro del web - tra ironia e aspri commenti - riguarda la possibilità per i netturbini di fare le multe.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Non mancano le polemiche

Proprio a questo proposito si è espresso il presidente Sticchi Damiani di ACI: “Sembrerebbe che da domani anche gli operatori ecologici possano emettere multe o far rimuovere i veicoli. Ci auguriamo che le cose non stiano così e che la proposta riguardi solo l’ampliamento delle funzioni degli ausiliari del traffico che – ricordiamo - devono limitarsi a segnalare l’infrazione al Corpo di Polizia Municipale. Né vogliamo prendere in considerazione la possibilità che queste nuove figure si sostituiscano al Corpo di Polizia Municipale”.

All’articolo 12-bis, su “Prevenzione ed accertamento delle violazioni in materia di sosta e fermata”, si legge che il sindaco potrà affidare potere sanzionatorio anche ai delle aziende municipalizzate o delle imprese addette alla raccolta dei rifiuti urbani alla pulizia delle strade. Le multe sarebbero limitate alle violazioni connesse all’espletamento delle loro attività. Un esempio? Se si parcheggia davanti a un cassonetto dell’immondizia o dove era prevista la pulizia della strada, la multa la potrà fare sia il vigile che il netturbino.

Autovelox e pedoni: cosa cambia nel Codice della Strada