Swindon, Gran Bretagna. Si è svelata in tutti i suoi particolari nella fabbrica dove nasce, la nuova Honda Civic. Provata anche accanto a un collaudatore sulla pista di prova, tanto per cominciare a far capire di che pasta è fatta. Un modello che del resto arriva con moltissime pretese, giunto alla decima generazione, visto che la prima è datata 1973. Una vita, costernata di alti e bassi, al punto che anche gli stessi progettisti giapponesi cercavano da tempo qualcosa di nuovo.

E di nuovo questa Civic ha parecchio, come abbiamo constato a Swindon, da dove sono iniziati a uscire i primi esemplari e dove abbiamo potuto fare i primi chilometri sul tracciato di prova, seppure accanto a un collaudatore.

Tanto basta per capire che oltre al design si è' dato spazio a mani basse al confort, ma anche all’assetto. Ma andiamo per ordine. La linea filante fa delle nuova Civic (che sarà una delle star al Salone di Parigi)  una 5 porte che richiama tanto un coupè, con la carrozzeria di tipo fastback. E con dimensioni ragguardevoli visti i 4,5 metri di lunghezza. Passaruote pronunciati e il doppio scarico posteriore centrale completano il quadro, insieme all’alettone posteriore, che era adottato anche dal vecchio modello. Rispetto alla vecchia è 30 mm più larga e 130 mm più lunga. Ed è anche più bassa di 20 mm della sua progenitrice, sfoggiando una linea del tettuccio slanciata. 

Tutti i modelli sono dotati di luci di posizione a Led, poi la dotazione sale secondo gli allestimenti, che ancora sono allo studio, come i listini. All’interno tutti i componenti sono di elevata qualità e il design semplice e sofisticato del nuovo display digitale del quadro strumenti offre un ambiente interno rinnovato e giovane. Il nuovo display Tft-Lcd a colori, da 7 pollici, occupa la sezione centrale allargata del nuovo pannello. Di fronte, si trova un tachimetro a dir poco voluminoso. La posizione di guida è stata abbassata di 35 mm rispetto a quella della precedente generazione di Civic, per creare una maggiore sensazione di avvolgimento per il conducente e il passeggero. Bella anche la consolle centrale, in nero lucido. Grazie ai montanti dalla larghezza ridotta di 9 mm si è ottenuta, secondo la casa, una visibilità ai vertici della categoria pari, a 84.3 gradi, aumentando la sensazione di spaziosità dell’abitacolo.

Notevole la capacità di carico pari a 478 litri con tutti i passeggeri a bordo, tanto da collocare questa nuova Civic a cavallo tra il segmento C è quello D. Non c’è più, però, la soluzione “Magic sit” del vecchio modello, che contemplava la regolazione indipendente di ogni sedile posteriore. Scelta motivata dal nuovo design e dal bagagliaio decisamente più grande. Nuovi anche i motori. Per ora un 1.0 a 3 cilindri a benzina da 129 CV e in 1.5 a 4 cilindri da 182 CV, entrambi dei Vtec sovralimentati, con una coppia rispettivamente di 180 e 240 Nm da 1700 e da 1900 giri/min. A novembre del 2017 arriverà anche il diesel di 1.6 litri da 120 CV, che sarà il pezzo forte per il mercato italiano. A proposito, la commercializzazione in Italia delle versioni a benzina è prevista tra febbraio e marzo.  I motori saranno entrambi disponibili con un cambio manuale a sei velocità di nuova progettazione o un cambio automatico a variazione continua (CVT). Si sta studiando anche un doppia frizione, decisamente più adatto a un’auto come questa.

Notevole lo sviluppo anche a livello di piattaforma, del tutto nuova e più rigida del 52%, con un peso inferiore di 16 chili. Ulteriori innovazioni sono state adottate nel processo di assemblaggio del corpo vettura, che prevede l’utilizzo di una avanzata tecnica di giunzione ad alta efficienza che migliora la rigidità complessiva di oltre il 60%. A livello di sospensioni c'è un nuovo multilink posteriore (modificato anche l’anteriore con un McPherson ribassato), e secondo i progettisti, la soluzione ha nettamente migliorato l'assetto.  Insomma uno sviluppo all'insegna della sportività e delle prestazioni, in attesa della Type R, attesa per il 2018. Non manca un evoluto sistema “Honda Connect”, che integra le Apple Car Play e Android integrato a sua volta con l'iphone, per molteplici funzioni. Honda Connect può essere dotato del sistema di navigazione satellitare Garmin, opzionale, oltre a mappe precaricate, ecoRoute e funzioni per evitare il traffico in tempo reale e per visualizzare edifici e terreni in 3D. L’aggiornamento delle mappe è gratuito per cinque anni.

Tra le altre novità il pacchetto Honda Sensing, che comprende tutte le dotazioni di sicurezza attiva e passiva disponibili. Si avvale di una combinazione di informazioni radar e video, nonché di una serie di sensori High-Tech capaci di assistere il conducente in situazioni potenzialmente pericolose.

Non resta che attendere l’apertura delle vendite, in gennaio, per capire se e quanto questa Civic piacerà, come sembra meritare. Intanto è stato comunicato che la versione a 4 porte arriverà all'inizio del 2018, ma con pochi numeri, vista la soluzione a 3 volumi. Non prevista l'importazione della 2 porte.