La nuova Audi Q5, che prende il posto della versione presentata nel 2008, è già ordinabile ma arriverà fisicamente nelle concessionarie alla fine di gennaio. I prezzi della gamma iniziale vanno da 48.450 a 57.450 euro, ma la famiglia è destinata ad ampliarsi rapidamente sia verso il basso, sia verso l’alto. 

Lo stile non cambia in misura determinante rispetto al passato, e le dimensioni fanno registrare un incremento quasi impercettibile in lunghezza e passo, mentre c’è qualche mm in meno in altezza. Gli elementi che permettono di riconoscere la nuova Q5 fin dalla prima occhiata sono la linea di fiancata ammorbidita e snellita e le diverse proporzioni della grande calandra, mentre all’interno ci sono tante similitudini con la sorella maggiore Q7: display centrale da 7 o 8,3 pollici tipo tablet (ma ancora non touch), comandi della climatizzazione e, a richiesta, il Virtual Cockpit, cioè la strumentazione virtuale configurabile, che permette anche di visualizzare le mappe del navigatore.

Le dimensioni interne aumentano leggermente in tutte le direzioni e in quattro si viaggia decisamente bene, mentre il bagagliaio guadagna 10 litri di capacità e adesso varia da 610 a 1.550 litri. Il peso complessivo cala anche di 90 kg grazie all’uso più esteso di acciai altoresistenziali e alluminio. 

Meccanicamente le novità principali sono l’offerta, a richiesta, delle sospensioni pneumatiche adattive che regolano, oltre alla rigidità dell’assetto, anche l’altezza della vettura secondo l’utilizzo e il passaggio, per le Q5 a 4 cilindri, alla trazione integrale quattro ultra, che attiva il ponte posteriore solo quando serve o, meglio, qualche istante prima che diventi necessario, grazie ad algoritmi sofisticatissimi e proattivi.

AUDI R8, supercar sui binari: la prova in pista

La gamma d’esordio prevede tre motori a quattro cilindri di 2 litri, abbinati al cambio a 7 marce a doppia frizione e trazione integrale. Il turbobenzina da 252 CV spinge benissimo in basso ma ha anche un allungo convincente. In più è molto silenzioso. I due turbodiesel da 163 o 190 CV, che rappresenteranno comunque il grosso delle vendite in Italia, confermano le loro doti di consumo, prestazioni e piacevolezza di utilizzo. Con le sospensioni pneumatiche adattive, la Q5 esibisce una maneggevolezza e una guidabilità nettamente superiori al passato, offrendo una sensazione di controllo e confidenza davvero notevoli per il genere di auto.