Sfruttando l'ospitalità del "circuito salotto" di Modena, la Renault ha voluto presentare l'intera gamma sportiva del proprio attuale listino. Puntualizzando anzi come questa attualmente si articoli su tre linee principali. Innanzitutto abbiamo la nuova gamma GT Line, che soddisfa gli acquirenti che cercano principalmente un look sportivo (non sono pochi: il 10% circa delle vendite) puntando sul design (anche interno) e su dotazioni specifiche che arrivano a cerchi in lega dedicati. In questa linea si mettono in luce le nuove Clio GT Line e Megane GT Line, entrambe anche in variante Sporter.

La prima è caratterizzata da paraurti specifici, con quello posteriore dotato di diffusore e scarico rettangolare, oltre a fari anteriori "full led" e tinta esclusiva Blu Iron. Specifiche pure le sellerie interne, alle quali si aggiungono volante sportivo in pelle traforata e pedaliera in alluminio oltre ai dettagli Blu Iron, mentre i motori sono il TCe benzina da 120 cv (con cambio manuale o EDC) o il diesel Energy dCi 110 cv. Sedili sportivi e cerchi in lega particolari, in questo caso tipo Decaro da 17", anche per la Megane GT Line, che può contare inoltre su una dotazione comprensiva di R-Link2 e navigatore touchscreen verticale da 8,7". In questo caso le motorizzazioni vanno dal TCe 130 ai diesel dCi da 110 e 130 cv. Prezzi a partire da 18.750 euro per la Clio Gt Line e da 25.450 per la Megane GT Line.

Si punta invece più sulla tecnica nel caso della gamma GT, della quale fa parte ad esempio la nuova Twingo GT: per 15.700 euro, oltre a cerchi da 17" (pneumatici 185/45 davanti e 205/40 dietro) e colorazioni speciali fra cui la Spicy Orange, troviamo il doppio scarico, la presa d'aspirazione sul parafango posteriore sinistro, l'assetto ribassato di 20 mm e soprattutto il motore posteriore 3 cilindri turbo TCe di 898 cc e 110 cv (170 Nm di coppia) abbinato a un cambio manuale con 5 rapporti rivisti.

Nella stessa linea la nuova Megane GT (sempre berlina o Sporter) anche questa resa più dinamica non solo nella carrozzeria (con cerchi da 18") ma pure nelle dotazioni tecniche, fra le quali svetta il sistema 4Control a quattro ruote sterzanti, tarato per dare maneggevolezza sul misto-lento e stabilità sul veloce. Abbiamo inoltre freni maggiorati (320 e 290 mm di diametro sui due assi), sospensioni ritarate, sistema Multi-Sense a quattro modalità di guida (sport, neutra, confort e personalizzata), Launch Control (0-100 in 7"4), cambio EDC a 7 rapporti con scalata continua Multi-Change Down, nonché due motorizzazioni: TCe 1.6 205 cv e diesel dCi 165 cv. In questo caso i prezzi partono da 30.650 euro.

La gamma più sportiva è tuttavia quella contrassegnata dalla sigla RS - che sta per Renault Sport - per ora riservata alla Clio, in attesa della Megane RS nella prima metà del 2018. Sulla Clio RS abbiamo la motorizzazione TCe 1.6 da 200 cv che nella versione Trophy salgono a 220, associata al cambio doppia frizione EDC a sei rapporti, nonché tre varianti di assetto: Sport, con ruote da 17"; Cup, irrigidito e con cerchi da 18"; Trophy, ancor più sportivo e ribassato di 20 e 10 mm fra avantreno e retrotreno. Per la Trophy è inoltre disponibile optional (1.500 euro) lo scarico sportivo Akrapovic.

Specifico il paraurti anteriore, nel quale si evidenzia il sistema di illuminazione RS Vision, con tre luci supplementari a led e disposte a scacchiera, a raggruppare le funzioni di fendinebbia, cornering, posizione e profondità. Altri equipaggiamenti da segnalare sono Launch Control, Muti-Change Down, RS Drive (tre modalità di guida: Normal, Sport, Race) e RS Monitor, tutto compreso in prezzi a partire da 24.550 euro.