Nuova Peugeot 308 SW, la prova su strada

Nuova Peugeot 308 SW, la prova su strada

La nuova compatta del Leone, in versione SW, mette in mostra doti di maneggevolezza e guidabilità notevoli nonostante le dimensioni quasi da segmento superiore. Leggi qui la prova completa

di Alberto Sabbatini

17 settembre

La 308 (leggi qui) è stata l’auto del rilancio Peugeot. Quella che ha permesso al marchio francese di superare la crisi del decennio scorso. Venduta in sette anni in 1,3 milioni di esemplari, la 308 viene adesso sostituita da una nuova generazione. A sette anni di distanza dal vecchio modello. Sarà disponibile sia come hatchback (cioé berlina col portellone) che station wagon, e propone interessanti novità: un po’ meno nel  design esteriore dove è chiaramente ispirata alla 208 uscita due anni fa, e invece molte di più negli interni dove troviamo l’i-cockpit di nuova generazione, i sistemi di assistenza alla guida di livello 2, miglioramenti nell’infotainment, nella multimedialità e nei servizi di connessione.

Nuova Peugeot 308 SW, il test

Nuova Peugeot 308 SW, il test

Tutte le foto della prova su strada della nuova Peugeot 308, nella variante di carrozzeria station wagon

Guarda la gallery

Le misure della nuova 308

Le misure della nuova 308 sottolineano quanto sia cresciuta rispetto al vecchio modello: è lunga 4,36 metri, cioé ben 11 cm più della precedente; ma è leggermente più bassa (2 cm in meno) e ha un interasse molto maggiore: ben 55 mm in più, per un totale di 2675 mm. A tutto vantaggio dell’abitabilità interna. A sua volta la versione station wagon è ben 30 cm più lunga e con 4,64 metri complessivi arriva alle dimensioni di un’auto di segmento superiore. La lunghezza superiore le permette di aumentare a dismisure la capacità di carico tanto che la 308 SW possiede un baule da 608 litri di capacità, quasi un record per la categoria.

Le caratteristiche del design

Il frontale della 308 è contraddistinto dalla grande calandra caratterizzata dall’iconica striscia verticale di luci a led che simboleggiano i denti di un felino, simbolo della Peugeot. Nella vista frontale già la prima novità: il nuovo logo, una testa di leone stilizzata all’interno di uno scudetto su fondo nero. Il nuovo logo non è soltanto un vezzo: abbandonata la figura un po’ retorica del leone intero come simbolo, il nuovo scudetto triangolare stilizzato – presente su muso, coda e fiancate – permette di personalizzare con decisione l’auto per far risaltare il design e sottolinearne l’eleganza senza risultare troppo invasivo.

La scheda tecnica

Altra novità l’utilizzo sulla 308 di motorizzazioni ibride plug-in al fianco dei classici benzina e diesel che resiste imperterrito nel listino Peugeot. Si tratta di un 4 cilindri 1.5 litri a gasolio BlueHdi da 130 cavalli, ancora eccellente per coppia ed elasticità. Gli altri motori sono due benzina, che utilizzano il 3 cilindri turbo di 1,2 litri della 208 da 110 e 130 cavalli, e due nuove motorizzazioni ibride plug-in basate invece intorno al propulsore 4 cilindri 1.6. Quest’ultimo è proposto con due potenze diverse: da 150 e 180 cv; perciò grazie al motore elettrico da 81 kW (110 cv) cui è affiancato, la 308 PHEV può raggiungere una potenza complessiva di 180 cavalli oppure di 225 cv.

La trazione è sempre anteriore perché il motore elettrico agisce sulle ruote davanti, mentre la batteria da 12,4 kWh consente alla Peugeot 308 PHEV di percorrere fino a 60 km in solo elettrico.

Abitacolo, dmenisioni generose e tanta digitalizzazione

Negli interni spicca l’i-cockpit di nuova generazione che da quasi dieci anni è un’esclusiva di Peugeot. L’i-cockpit è quell’esclusiva soluzione di Peugeot che unisce un volante di piccolo diametro a una strumentazione collocata sopra la corona del volante, a differenza di tutte le altre auto. I vantaggi sono due: lo sguardo che intercetta la strumentazione è sempre proiettato al di sopra del volante, verso la strada. Inoltre il volante di piccolo diametro rende maneggevolissima l’auto nelle curve, sulle strade tortuose  e nelle manovre di parcheggio. In questa nuova generazione l’i-cockpit è stato migliorato con nuove funzionalità nel display centrale da 10” che ora possiede una serie di tasti touch programmabili per varie funzioni, senza però rinunciare ai pulsanti fisici sotto lo schermo.

Sette i nuovi colori fra cui due esclusivi: un verde riservato alla berlina chiamato Olivine e un blu definitivo Avatar (in realtà è un mix di azzurro e verde). Nuovo anche il design dei cerchi di grandi diametro (partono da 16” fino a 18” fra i vari allestimenti) che esaltano il dinamismo delle forme della carrozzeria. Cinque gli allestimenti della 308: Active, Allure, Allure Pack, GT e GT Pack.

Come va su strada

Abbiamo provato la nuova Peugeot sulle strade della Costa Azzurra, attorno al massiccio dell’Esterel: una montagna sul mare che si affaccia sulla costa fra Cannes e Marsiglia. Dove ci sono bellissime strade tortuose sulle quali la 308 ha mostrato le grandi doti di maneggevolezza e tenuta di strada. E abbiamo potuto apprezzare il vantaggio del piccolo volante dell’i-cockpit, che su curve e controcurve in successione è davvero molto fluido da manovrare.

Tra i vari motori, il 1.5 diesel BlueHdi da 130 cavalli sembra ancora un bel compromesso per coppia ed elasticità ma il divario di prezzo rispetto ai benzina si è fatto più alto che in passato: parte da 26.550 euro. Mentre sono più abbordabili le versioni con il piccolo motore a benzina 3 cilindri da 1.2 litri turbo da 110 o 130 cv che si sono rivelate brillanti e silenziose e hanno il pregio di avere un prezzo davvero accessibile per un’auto così completa: da 23.750 euro di partenza dell’allestimento Active in su.

Versioni e prezzi

Le motorizzazioni più interessanti però appaiono i due nuovi ibridi plug-in. da 180 oppure 225 cv perché consentono di percorrere consente di percorrere fino a 60 km in solo elettrico dimostrandosi una soluzione vantaggiosa per chi deve raggiungere da fuori città i centri urbani dove la circolazione è limitata alle auto ad emissioni zero. Però attenzione alle mappature selezionate, perché nel normale uso stradale se non si fa attenzione ai km percorsi facile scaricare la batteria. A svantaggio della ibrida plug-in gioca il suo prezzo più elevato: almeno 10mila euro in più rispetto ai modelli a benzina pura: la 180 cv parte da 36.750 €, quella da 225 cv addirittura da 41.450 euro. Le versioni station wagon costano tutte circa mille euro in più rispetto alla berlina e il cambio automatico negli allestimenti in cui non è di serie incide per 2mila euro.

Peugeot 308, la prova su strada

Peugeot 308, la prova su strada

Ecco come va su strada la nuova generazione della compatta del Leone, la Peugeot 308, disponibile in versione SW e 5 porte. Presente in listino la motorizzazione ibrida

Guarda il video

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi