Presentazione

Con la COMPASS il marchio Jeep, sinonimo di fuoristrada a denominazione d'origine controllata, tanto da essere diventato il termine che identifica le “ off- road” classiche, affronta una nuova avventura. È quella che si svolge nel sempre più esteso territorio delle SUV di classe media. Estrapolata da un progetto da cui sono scaturite sia la Patriot – un'altra nuova Jeep di prossima commercializzazione ma che ha connotazioni un po' più rudi – sia la Dodge Caliber, che è venduta in Italia soltanto in versione a due ruote motrici, la Compass propone una trazione integrale “leggera”, poiché solo in condizioni particolari ripartisce in maniera evidente la motricità sul retrotreno. È offerta con un turbodiesel di 2 litri da 140 cavalli, che si può dire indispensabile per il settore in cui s'inserisce e, in alternativa, con un benzina 2.4 litri da 170. La Compass punta a infastidire soprattutto le concorrenti orientali sia con le caratteristiche della meccanica, sia con la composizione della gamma. O, meglio ancora, con l'effetto sorpresa dovuto al contrasto fra l'immagine “premium”, che le deriva dal marchio Jeep apposto sulla carrozzeria, e il range di prezzi, equo in rapporto ai contenuti generali.