Presentazione

Il marchio Chevrolet è uno dei più prestigiosi nella storia dell'automobile ed effettivamente fino a pochi anni fa guidare una Chevrolet sulle nostre strade voleva dire essere al volante della supersportiva Corvette o di un imponente SUV americano come il Blazer.
Ma si sa, il mondo cambia, e in seguito alle operazioni che hanno portato la General Motors – di cui fa parte la Chevrolet – ad acquistare la Daewoo, oggi le vetture prodotte dalla Casa coreana sono vendute in Europa proprio con il blasonato marchio americano. Certo il suo prestigio non è più quello di un tempo, almeno fra gli addetti ai lavori, specie se si parla di utilitarie come la Matiz e la Spark, ma quando si è al volante di una berlina di ottimo livello, come la Cruze, l'immagine del marchio torna a splendere.
È bastato parcheggiare la nostra Chevrolet, nero metallizzato, accanto a una BMW Serie 3, praticamente uguale come colore, ma soprattutto come dimensioni (la Cruze è lunga 460 cm e larga 179, contro i 453 e 182 cm della “3”), per chiederci qual è in effetti la più bella e quale delle due avremmo acquistato: i dubbi, perlomeno per quanto riguarda l'estetica, sono davvero molti, dato che la Cruze ha sì una carrozzeria fin troppo spigolosa, ma la linea è ben equilibrata e piacevole, soprattutto nella coda. Anche le prestazioni ci sono tutte: la 2.0 VDCi LT da 150 cv, protagonista della prova, è accreditata della stessa velocità massima, 210 km/h, della BMW 318d da 143 cv, la meno potente fra le 2 litri turbodiesel.
L'accelerazione dichiarata da 0 a 100 km/h è solo un po' meno brillante con la Cruze, che impiega 10” netti (ma nel nostro test siamo stati più rapidi) invece di 9”3, mentre i consumi, contenuti per entrambe, vedono primeggiare la 318d, che ufficialmente percorre in media 21,3 km/litro invece di 17,8.
Vista così sembra quasi una sfida ad armi pari
, ma se si confrontano i prezzi dei due modelli si scopre una differenza abissale: 18.500 euro per l'unica e ben accessoriata versione turbodiesel della Cruze, contro i 36.600 della 318d Attiva, che ha un allestimento equiparabile. Praticamente il doppio! Come si vede, la berlina “americana” va perlomeno presa in considerazione se si decide di acquistare un'auto di questa classe.