Interni

BMW X4, anti SUV, prova su strada

 

Pratica e funzionale, come la x3

La X4 adotta la medesima plancia della X3, funzionale e realizzata con materiali di qualità; stona soltanto, in quest’ambito, l’assenza di rivestimenti per le tasche nei pannelli porta. Il display del sistema multimediale è ben visibile e protetto dai raggi solari: il funzionamento è affidato al conosciuto controller iDrive che integra una superficie touch per scrivere con le dita numeri di telefono o indirizzi. Gli strumenti digitali ripropongono, in chiave moderna e altamente leggibile, il classico layout BMW.

Dietro ok ma solo per due

La seduta della X4 è stata abbassata di 20 mm rispetto a quella della X3, rendendo il posto guida meno “turistico” e più simile a quello di una berlina. La zona posteriore, nonostante il padiglione ribassato, non pone alcun problema in altezza, semmai c’è da prestare attenzione alla testa soltanto quando si sale a bordo. Il divano posteriore può accogliere tre persone, ma di fatto è sagomato per due, ciò limita parecchio la sistemazione del passeggero centrale.

Più limitato in altezza

Il baule è un po’ più piccolo rispetto alla X3: da 550 a 500 litri. Ma il portellone inclinato limita la possibilità di caricare oggetti voluminosi in altezza. Ci sono ribaltamento 40/20/40, ganci per borse, presa a 12V e occhielli di fissaggio su rail. Il portellone ad apertura/chiusura automatica è di serie.