Impegno su due fronti, entrambi tra cordoli e chicane. Se BMW M8 GTE è ai nastri di partenza della 24 Ore di Daytona, primo appuntamento ufficiale in gara per il nuovo progetto - che correrà anche la 24 Ore di Le Mans il prossimo giugno - la BMW Serie 8 coupé sceglie l'Italia, il tracciato di Aprilia, per continuare il processo di sviluppo in vista del debutto, previsto nei prossimi mesi. Svela nuovi particolari delle forme definitive, evolute rispetto al concept che ha annunciato il ritorno di BMW nel segmento delle grandi coupé di lusso

Uno stretto legame, quello che unisce BMW M8 e M8 GTE, ispirazioni tecniche che si trasferiranno sulle altre declinazioni di Serie 8 coupé. Possibilità dettata dall'aver sviluppato le tre varianti in parallelo: per un passo compiuto con la GTE, la M8 e la Serie 8 a seguirne l'ispirazione. Su strada, Serie 8 arriverà sotto forma di BMW 850i e BMW 860i, trazione posteriore o la possibilità delle quattro ruote motrici xDrive, come trapela da alcuni muletti avvisati in prova. Ad Aprilia, i tecnici BMW sono andati alla ricerca di dati e validazione degli obiettivi posti, relativamente alla dinamica di marcia su fondi particolarmente abrasivi e alle alte velocità. «I valori dinamici del veicolo già ottenuti sono assolutamente impressionanti, i nostri clienti e simpatizzanti possono aspettarsi un'autentica sportiva», assicura Klaus Fröhlich, componente del CdA di BMW Ricerca e Sviluppo, presente ai test.

L'impianto stilistico della show car resta in gran parte immutato sul prodotto destinato alla serie. Dal doppio rene con la cornice cromata raccordata al centro, al taglio dei gruppi ottici, solo un po' più abbondanti nelle dimensioni. L'ottimizzazione aerodinamica prevede un tetto scavato nella parte centrale, scelta di stile e marginale riduzione della sezione frontale. In coda, gli scarichi sono nascosti dietro le cornici cromate, quanto ai fari, saranno ad ampio sviluppo orizzontale, su un volume del bagagliaio piuttosto scavato.

BMW M8, nuova pretendente al trono Gran Turismo

Attese importanti novità anche all'interno, vedremo una Serie 8 dalla plancia molto diversa rispetto alle ultime proposte BMW, soprattutto per quel che riguarda la disposizione e l'integrazione dell'ampio schermo della multimedialità, inserito in una console che si sviluppa a cascata verso il tunnel centrale.