Sedici stazioni in Italia, 261 in Europa. Tante sono, attualmente, le stazioni Supercharger Tesla disseminate sul territorio. Cambia approccio la casa di Elon Musk e dall'utilizzo gratuito per i clienti di Model S e Model X si passerà a un bonus di 400 kWh/annui da utilizzare gratuitamente soglia oltre la quale sarà previsto il pagamento di una tariffa al momento non ancora definita. Che il loro utilizzo sarebbe stato a pagamento per i clienti di Tesla Model 3 era noto, adesso arriva l'annuncio di una generale applicazione del concetto a tutte le Tesla vendute dall'1 gennaio 2017, mentre i già proprietari (e quanti acquisteranno una Tesla entro il 31 dicembre, con consegna entro l'1 aprile 2017) manterranno uno status "privilegiato". Perché il passaggio al pagamento della ricarica da Supercharger? Ufficialmente per accelerare lo sviluppo della Rete e incrementare la diffusione delle postazioni di ricarica rapida. Monetizzare per reinvestire.

Detto come i 400 kWh gratuiti per i nuovi clienti che acquisteranno una Tesla dal gennaio 2017 equivalgono all'incirca a 1.600 km di percorrenza, non si può non sottolineare come l'utilizzo dei Supercharger diventi un servizio premium per chi possiede un'elettrica della casa californiana. In mezz'ora circa si ottiene un'autonomia di marcia di 270 km, contro i 136 km che si avrebbero dall'utilizzo di una postazione Chademo nel medesimo lasso di tempo e i 27 km appena assicurati da una ricarica "casalinga". In 40 minuti si arriva ad avere l'80% del pacco batterie carico, mentre il 20% residuo si scontra con tempi molto più lunghi, fino a 75 minuto complessivamente, per riempire le celle al massimo consentito. 

Model S P100D, 0-100 da 918 Spyder

Da Tesla sottolineano come il modo più conveniente per ricaricare l'auto resti dalla presa domestica, ottimizzando i periodi di non utilizzo del veicolo, in aggiunta spiegano che le tariffe per l'utilizzo dei Supercharger varieranno al crescere del loro utilizzo, restando comunque al di sotto dei costi equivalenti di una spesa carburante su un veicolo "classico".

Tesla, 90 mila consegne nel 2016