Dici Mario Andretti e ti viene in mente un pezzo della storia dell’automobilismo sportivo. Tra i piloti migliori di sempre, l’italo-americano ha mietuto successi in diverse competizioni. Dalle corse dell’IndyCar (quattro volte vincitore del campionato) a Daytona e Sebring, fino alla Formula 1. È lui infatti l’ultimo statunitense ad aver vinto il mondiale, quando portò la Lotus al trionfo nel 1978.

Magneti Marelli con Andretti Motorsport

IL SUO GIOIELLINO IN ROSSO

Ritiratosi dal Circus della F1 nel 1982, due anni dopo si regalò un esemplare di Lamborghini Countach, la prima coupé con carrozzeria a cuneo. Che oggi è in vendita alla Motorcar Gallery di Fort Lauderdale, in Florida, con un prezzo di 499mila dollari.

Il modello posseduto da Andretti è il 5000 S, e presenta una livrea rosso acceso. Spinta da un V12 da 5 litri che eroga 371 CV, ha una trasmissione manuale a cinque velocità e la firma di Andretti sugli specchietti. Inoltre, dalla Motorcar dichiarano che il motore è stato sottoposto a un rinnovo meccanico, e per tale motivo il contachilometri si ferma a quota 17.715.

Lamborghini Miura, com'è nata la prima supercar

UN PEZZO RARO

La Countach del 1984 non è l’unica Lamborghini ad essere presente nel garage personale di Mario Andretti, che nel corso degli anni ha avuto la fortuna di poter acquistare una Diablo, una Murcielago nonché la più recente Aventador.

La Countach però rappresenta un pezzo più raro rispetto agli altri: la sportiva infatti - auto che nel suo segmento ha fatto la storia - ha riscosso successo dalla sua prima apparizione nel 1974 fino a fine produzione nel 1990. E tutto ciò, nonostante siano stati prodotti poco meno di 2mila esemplari in totale. E il prezzo di quasi 500mila dollari non può che dipendere da quello.