Mancava il tassello "green", la declinazione ibrida, per andare ad arricchire la formazione già convincente di nuova Porsche Panamera. Accanto alla Turbo, alla Diesel e alla 4S, al Salone di Parigi 2016 ha fatto il suo debutto in pubblico la Panamera 4 e-hybrid. Una formula che si ripropone sull'ammiraglia tedesca, arricchita dal bagaglio tecnico guadagnato con la 918 Spyder, di "mestiere" hypercar con l'unità elettrica capace di incrementare le prestazioni e darle autonomia a zero emissioni.

Un dettaglio, di Panamera 4 e-hybrid, risulta particolarmente interessante. Se la vecchia generazione erogava la spinta del motore elettrico, nel funzionamento ibrido, alla pressione dell'80% della corsa del pedale, la nuova sviluppa istantaneamente un boost combinato del gruppo motore termico-motore elettrico. 

Una formazione composta dal nuovo motore biturbo benzina di 2,9 litri con architettura V6. Potenza pari a 330 cavalli e coppia di 450 Nm. Il versante elettrico si realizza invece con un'unità sincrona capace di 136 cv e 400 Nm di coppia motrice. Il dualismo genera un “complesso” di 462 cv e 700 Nm. Valori ovviamente da supercar, a cui però si accompagna un dato dichiarato relativo ai consumi da far invidia ad una qualunque citycar dell'ultima generazione. Infatti bastano solo 2,5 litri per percorrere 100 km di strada. Merito di questo risultato è l'autonomia che dovrebbe assicurare il pacco batterie agli ioni di litio, quando si viaggia solo con la spinta del motore elettrico: 50 chilometri. In questo modo di guida è possibile raggiungere i 140 km/h di velocità massima.

Se invece si considera l'intero complesso ibrido, allora le cose cambiano, perché endotermico + elettrico assicurano una velocità massima di 278 chilometri all'ora e uno scatto da 0 a 100 km/h in soli 4,6 secondi. Numeri coadiuvati pure dalla presenza della trazione integrale e dal cambio doppia frizione PDK a otto rapporti, novità rispetto all'automatico 8 marce impiegato in passato. Il sistema che disaccoppia il motore elettrico da quello a combustione interna è differente rispetto al precedente ed è formato da un attuatore elettromeccanico che adopera una frizione elettrica (ECA).

Nuova Panamera, la prova su strada

Essendo la Panamera 4 E-Hybrid un'ibrida plug-in, è equipaggiata di una batteria ricaricabile. Cresce la capacità rispetto alla generazione precedente, pur mantenendo invariato il peso: da 9,4 si passa a 14,1 kWh e la ricarica completa si ha in meno di 6 ore da una presa standard, che scende al di sotto delle 4 ore con il caricatore rapido opzionale. Le prime Panamera ibride saranno consegnate in Europa a partire da metà aprile, con un listino prezzi che in Italia parte da 111.500 euro