E' un modo un po' diverso dal solito di interpretare il tuning, quello suggerito da Vitesse AuDessus. Protagoniste, le supercar più estreme, riviste in quella che è la configurazione stilistica, per regalare un vestito sul quale ogni dettaglio è realizzato in fibra di carbonio. A caratterizzare l'elaborazione del marchio statunitense, standard qualitativi nella lavorazione del carbonio certificati per essere sullo stesso livello dei processi produttivi adoperati in Formula 1 o da un marchio come Koenigsegg. 

Gli ultimi sforzi del preparatore si sono concentrati su Lamborghini Aventador SV, forte di un V12 da 750 cavalli e prestazioni esagerate, che restano invariate a seguito del trattamento. La novità di maggior rilievo è senz'altro l'offerta di un set di cerchi in lega interamente in fibra di carbonio, grazie ai quali abbattere il peso di 22 kg sulle quattro ruote complessivamente considerate. Per averli, sarà necessario sborsare oltre 22 mila euro, dettaglio marginale tra tutti gli interventi possibili.

Aventador SV, la prova su strada

Un pacchetto "base", comprensivo di specchietti con supporto incluso, minigonne, diffusore e paraurti anteriore in fibra di carbonio è proposto a 14 mila euro, ai quali sommare un extra di oltre 6 mila euro per il tetto modificato, proseguendo con uno splitter dedicato, le portiere, il cofano motore rivisto, quest'ultimo differenziato a seconda che vada sulla coupé o sulla roadster: 8.500 euro nel primo caso, 10.600 euro nel secondo.