Le contromosse di BMW nei confronti di Tesla sono a largo raggio. Se Model 3 sbarcherà in Europa in forze nel 2019, per i4 serviranno due anni in più. La media elettrica della “fabbrica di motori bavarese” sarà sul mercato nel 2021. Molto simile per design a i Vision Dynamics presentata al Salone di Francoforte nel 2017.

BMW ha in progetto di bruciare le tappe grazie a una organizzazione di produzione speciale. La Casa ha appena investito 200 milioni di euro per aggiornare le linee produttive dello stabilimento “madre”, quello di Monaco di Baviera, proprio per accogliere la produzione di i4.

La berlina elettrica, accreditata di una autonomia di 700 chilometri, sarà realizzata sulla piattaforma modulare CLAR. La sfida di BMW sta proprio qui: un pianale adatto ad auto con tutti i powertrain: Diesel, benzina, mild hybrid, full hybrid, plug-in hybrid ed elettrico. 

L’investimento punta proprio a questo: sulla stessa linea saranno assemblate Serie 3, Serie 4 e i4. Consentendo una produzione più rapida e meno costosa. La flessibilità della nuova linea comporterà grandi investimenti iniziali. E qualche “nodo” in più per i4, a causa della carrozzeria completamente diversa dalle altre BMW e delle speciali batterie. Il tempo dirà se il gioco varrà la candela.