Nata con un diretto richiamo a McLaren F1 GTR Longtail, il legame tra McLaren 675LT e la gloriosa antenata si rafforza ulteriormente. Oltre la "coda lunga". Merito dell'esemplare commissionato da TTJ, iniziali del cliente cucite in rilievo sui poggiatesta, firma chiara apposta sull'assegno staccato alla divisione MSO Bespoke. La livrea Gulf Racing richiama fedelmente il progetto da corsa sviluppato per la stagione 1996, nella quale colse la vittoria nella serie Endurance, Classe GT1; un anno più tardi, l'ultima apparizione McLaren a Le Mans portò la F1 GTR Longtail a vincere la propria Classe e terminare la 24 Ore in seconda posizione assoluta, con l'equipaggio Gounon-Raphanel-Olofsson.

I colori della compagnia petrolifera hanno caratterizzato numerosi progetti da corsa, partendo dalle Ford GT40 fino alla McLaren F1 o, ancora, Porsche 917, Aston Martin Vantage. L'accostamento nero-azzurro-arancio prodotto su McLaren 675LT ha richiesto ben 800 ore di lavorazione sulle 1.000 complessive per realizzare il progetto in accordo con Gulf Oil.

Livrea a parte, la Super Series del marchio di Woking ricorre a diversi accessori optional del catalogo MSO. I cerchi multirazze da 20 pollici sono in tinta Dayglo Orange, l'airscope sul tetto un'aggiunta, come i passaruota con feritoie nella parte superiore, dirette a migliorare le prestazioni dell'avantreno dall'incremento del carico aerodinamico. Invariato il motore: V8 3,8 litri twin turbo da 675 cavalli e 700 Nm, numeri per prestazioni da hypercar vera: 2"9 per passare da zero a cento, 330 km/h di velocità massima.

L'ala mobile posteriore, con funzione di aerofreno, è personalizzata nella finitura, con la parte inferiore in carbonio lasciato a vista. LT, coda lunga, che su F1 GTR permise di ottimizzare l'aerodinamica pur non essendo l'unico intervento migliorativo sulla GTR di partenza, visto l'abbattimento del peso pari a 135 kg.

L'abitacolo di 675LT Gulf Racing ruota intorno ai sedili da corsa in Carbon Black Alcantara, rivestimento su una scocca in fibra di carbonio, con cuciture a contrasto che riprendono la colorazione delle cinture di sicurezza e delle bocchette del climatizzatore.

Niente suv, siamo inglesi: solo sportive nel futuro McLaren

Il richiamo alla storia da corsa nell'endurance potrebbe lasciar spazio all'attualità nel prossimo futuro, visto l'interesse McLaren a un ingresso nel WEC, categoria alla quale guarda con interesse il direttore esecutivo di McLaren Racing, Zak Brown, in prospettiva 2020, quando il mondiale endurance introdurrà un nuovo pacchetto di regole tecniche e sportive.

L'erede della F1 in arrivo entro fine anno