1 di 12

Alfa Romeo Brera, il Concept del 2002: la bella che non ha ballato

Al Salone di Ginevra del 2002, Giorgetto Giugiaro stupì il mondo quando presentò l'Alfa Romeo Brera Concept, la proposta per una coupé sportiva per il Biscione. La vettura sfruttava la meccanica della Maserati Coupé e poteva contare su un V8 da 400 cavalli e la trazione posteriore. Inoltre, l'effetto "wow" era assicurato dalle portiere con apertura a elitra. Il concept piacque talmente tanto che in Alfa decisero di mandarlo in produzione, peccato che le potenzialità della vettura furono tarpate dalle economie di scala. Infatti, la meccanica Maserati, troppo costosa, fu sostituita dalla piattaforma che Alfa aveva in casa... E così andò a finire che le linee disegnate da Giugiaro furono adattate dai designer di Arese alla piattaforma sviluppata all'epoca con GM, usata anche per la 159, ma in questo caso accorciata. La Brera perse la trazione posteriore per diventare trazione anteriore o integrale per la più potente in gamma, quella spinta dal V6 3.2 da 260 cavalli di origine, anch'esso GM. Troppi compromessi al ribasso, che non le hanno consegnato il successo meritato.

  • Link copiato

Da non perdere

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi