Ecco la video intervista del Team Principal della Scuderia Ferrari Stefano Domenicali. Nel filmato le attenzioni sono rivolte ovviamente al prossimo GP. "Non credo che il titolo si assegnerà questa domenica ma certamente sarà una gara molto importante: chi dovesse perdere troppi punti in Brasile sarebbe in grave difficoltà ad Abu Dhabi. L'approccio che il team avrà in queste ultime due tappe sarà quello giusto, tenendo presente la forza dei nostri rivali McLaren e Red Bull.Abbiamo visto quanto possano essere complicate le gare durante questo campionato, il che significa che dovremo essere molto prudenti. Per quanto riguarda la F10, ci saranno alcuni piccoli aggiornamenti aerodinamici ma nulla di particolarmente significativo: la differenza la faranno l'affidabilità e la tenuta mentale. In ogni caso, penso che la F10 potrà essere competitiva e i rapporti di forza non dovrebbero essere tanti diversi da quelli visti nelle ultime gare: ci aspettiamo una Red Bull come sempre molto forte e una McLaren che potrebbe avere degli aggiornamenti ed essere quindi più veloce ed in piena lotta per il vertice." La Scuderia ha vinto già dieci volte la gara del Brasile, di cui due con Felipe Massa, nel 2006 e nel 2008. "E' la sua gara di casa e, conoscendolo, sono sicuro che avrà una motivazione in più per far bene. Vorrà dimostrare ai suoi tifosi il suo valore e quindi mi aspetto di vederlo pienamente in lotta e pronto a fare il possibile per vincere. Sarà molto veloce ed è quello che ci serve adesso per raggiungere i nostri obiettivi." Lo stesso Felipe non vede l'ora di correre davanti ai suoi supporter: "Questa è la gara che mi è mancata di più l'anno scorso, quando sono rimasto fuori dopo l'incidente di Budapest. Dopo l'assenza del 2009 sarebbe bello tornare a lottare per il primato, soprattutto perché sarebbe vitale per la classifica dei due campionati." "Andiamo in Brasile con lo stesso spirito con cui siamo andati a giocarci le nostre carte nelle ultime gare: concentrati sul nostro lavoro, determinati ad ottenere il massimo da ogni opportunità, consapevoli che i conti si faranno ad Abu Dhabi" - dice Fernando - "La pista è molto interessante e, di solito, offre corse molto spettacolari. Le condizioni meteorologiche, che possono essere molto variabili, potrebbero giocare un ruolo importante e dovremo essere pronti ad ogni eventualità. Con un tracciato così veloce e corto, i distacchi saranno ridotti e ci potranno essere tanti piloti racchiusi in pochi decimi."