I pick up negli USA da sempre vanno per la maggiore. E Dodge al Salone di Detroit ha continuato a battere il ferro caldo presentando due versioni, la Rebel e la Ecodiesel HFE, del suo RAM 1500. Un prodotto chiave sul mercato americano, dove il Gruppo FCA punta molte delle sue fiches (non solo dei marchi a stelle e strisce, anche di Alfa e Maserati) forte di buoni risultati ottenuti nel 2014. La Dodge Ram 1500 Rebel è sicuramente la più indicata per i clienti di oltreoceano. Presenta aggiornamenti estetici importanti (e vistosi) come la nuova poderosa griglia frontale, le protezioni specifiche per la carrozzeria e per i telaio, le prese d'aria sul cofano, il doppio scarico sportivo, i cerchi da 17" con pneumatici Toyo da 33", i parafanghi allargati. Più cattiva fuori, dotata di finiture in tessuto dentro. Sotto il cofano rombano il V6 Pentastar di 3.6 litri da 305 cavalli e il V8 Hemi di 5.7 litri da 395 cavalli, abbinati al cambio automatico a otto marce e la trazione posteriore o integrale. Dodge Ram 1500 Rebel è dotata di ammortizzatori Bilstein e nuove barre stabilizzatrici. Interessante il sistema di sospensioni ad aria, che consente di aumentare l'altezza da terra di 2,54 cm (un pollice) per aumentare le capacità in fuoristrada, mentre su asfalto, in posizione normale, favorisce un comportamento più efficace. Per gli americani, non ancora molti, che cercano il gasolio c'è la Dodge Ram 1500 Ecodiesel HFE spinta da un motore da 240 cavalli e 568 Nm di coppia, capace di una percorrenza media di quasi di 10 km/litro, quasi un prodigio per un colosso del genere. E' dotata di cambio automatico a otto marce, delle sospensioni ad aria, dello Start&Stop e della griglia anteriore di raffreddamento attiva.  

Dodge Ram 1500, il pick up di FCA - le foto