Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse La Finale

Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse La Finale
Canto del cigno dell'hypercar da 430 km/h. Ecco l'esemplare che chiude la produzione a quota 450

di Francesco Forni

5 marzo 2015

  Saluta tutti la Veyron con l'ultimo esemplare esposto a Ginevra. Il canto del cigno dell'auto di serie più esegarata si chiama Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse La Finale. Nome altisonante per una vettura estrema, spinta dal W16 biturbo di 8.0 litri capace della potenza "aerea" di 1200 cavalli e di 1500 Nm di coppia. Detentrice del record ufficiale di velocità massima per auto omologate all'uso stradale: 431,072 km/h e con un’accelerazione da 0 a 100 in 2"6 . Dato l'omaggio dovuto ai numeri la Veyron Grand Sport Vitesse La Finale nei fatti è l'ultimo dei 450 esemplari previsti, dopo le 300 coupé sono andate completate anche le 150 "targa" con tetto asportabile. La Finale ricorda la prima Veyron di 10 anni fa, con i colori rosso e nero, ovviamente commissionati dal proprietario, unitamente alla fibra di carbonio (anche rosso) che spicca dovunque all'esyetno. "La Finale" è scritto sull'alettone retrattile posteriore e sul frontale (e su battitacco e poggiatesta), mentre nell'abitacolo, sempre con il carbonio che la fa da padrone, la selleria è in pelle con tinta Ht Spur. Un commiato come si deve, vistoso. A fine anno inizierà ad essere assemblata l'erede della Veyron.    
Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse La Finale

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi