Mercato auto, a marzo +15,1%

Mercato auto, a marzo +15,1%
Bene Fiat, sempre boom per Jeep e dominio del diesel. Le elettriche solo lo 0,2% del mercato.

di Francesco Forni

2 aprile 2015

Ancora un mese in crescita: mercato auto, a marzo +15,1%. Le immatricolazioni hanno registrato un altro importante passo in avanti, il dato è stato comunicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Marzo 2015 ha totalizzato 161.303 vetture, un balzo netto rispetto alle 140.189 del 2014, che pure aveva un giorno lavorativo in meno, ma tale vantaggio non può coprire le oltre ventunmila automobili vendute in più. Un’altra conferma di crescita quindi, che mantiene il primo trimestre d su volumi sensibilmente più elevati rispetto al 2014. Ovvero l’aumento sui primi 90 giorni dell’anno + del 13,5%, tradotto in unità 428.464 rispetto a 377.629. Stavolta il balzo è comune. Con il noleggio che continua ad aumentare in modo molto importante (+23,1%%, con una fetta del 28,6% del mercato) ma affiancato, finalmente anche da una crescita sensibile degli acquisti dei privati (+13,5%) segnale molto importante, anche se la quota generale delle cosiddette famiglie è ancora in calo (57,2% rispetto al 58,1% del marzo dell’anno scorso). In positivo, ma nettamente inferiori rispetto alla crescita del mercato, gli acquisti da parte delle società (+7,6%, 14,2% del totale). Il Gruppo FCA ricomincia a correre. Fiat Chrysler Automobiles cresce più del mercato, con un +17,2% (46.153) con l’esordio della Fiat 500X, per la prima volta a “referto”. Il primo mese di immatricolazione per il crossover costruito a Melfi ha portato 1.768 immatricolazioni, al sesto posto della classifica di categoria, a ridosso della Dacia Duster. Nello specifico dei marchi, Fiat ha registrato un +15,9%, Jeep grazie alla Renegade ha volato ancora, +249,3% e anche Maserati ha ripreso un passo deciso, con un +38,8%. Le più vendute rimangono Fiat Panda (13.534, il doppio di qualsiasi rivale), 500L e Lancia Ypsilon. Al quarto posto la Fiat 500, che ha superato la Punto, ormai lontana dalle primissime posizioni, segnale inequivocabile che la piccola compatta, l’utilitaria che per decenni ha dominato la classifica (Fiat 127, Uno, Punto …) ormai non è più in cima ai desideri degli italiani. Dietro a questo quintetto, Renault Clio. VW Golf, Ford Fiesta, Opel Corsa, VW Polo e Toyota Yaris. Tra le case estere bene Opel, +24,7%, Hyundai-Kia, +22,5%, Ford, +21,9%, Renault, +19,7% (Dacia +41,8%), Mercedes, +19,4%, Nissan +18,8%, Toyota, +18,1% e Peugeot-Citroen, +15%. Sempre preferite, e di gran lunga le auto diesel, che hanno il 56% del mercato (+12,8%), mentre quelle a benzina rappresentano il 31% (aumento del 13,2%) mentre il GPL ha totalizzato il 7,5% di quote totali (+16,4%). Tra le nicchie si conferma il metano, con il 3,8% di immatricolazioni e un aumento del 13,4%, mentre si impennano le ibride con un balzo del 28,1% anche se la quota rimane dell’1,5%. Le elettriche, con 236 vetture vendute hanno registrato un +148%, ma rappresentano solo 0,2% del mercato.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi