Porsche guarda al futuro: oltre 1 miliardo di investimenti

Porsche guarda al futuro: oltre 1 miliardo di investimenti
Impianti potenziati, garanzie per gli apprendisti e un possibile nuovo prodotto per ampliare i volumi

di Redazione

15 luglio 2015

Dopo l'annuncio del piano di investimenti da parte di Mercedes nel segmento delle compatte, tocca a Porsche delineare le azioni che proietteranno il marchio nel futuro. I vertici dell'azienda e i rappresentanti dei lavoratori sono giunti a un accordo importante, che vale oltre 1 miliardo e 100 milioni di euro, diretto all'espansione dei siti produttivi ma anche mirato all'intensificazione del legame tra formazione e impiego in fabbrica. Saranno spalmati tra gli impianti di Zuffenhausen, Ludwigsburg e Weissach gli interventi, in particolare a Zuffenhausen sarà predisposto un nuovo impianto per la realizzazione dei propulsori e un nuovo reparto carrozzeria, oltre all'espansione della catena di montaggio, dalla quale usciranno le 911, le Boxster e, dal 2016, anche la Cayman. «Come tutti i costruttori, Porsche affronta grandi sfide: una situazione economica volatile, stringenti richieste sulle emissioni di Co2, nuove tecnologie e l'avanzata di quelle digitali. Tutto ciò comporta la realizzazione di investimenti su larga scala e portare al limite le proprie capacità. Perciò stiamo controllando e ottimizzando tutti i processi e le procedure all'interno dell'azienda e impostare il giusto percorso nel tempo corretto», ha commentato Matthias Müller, presidente del consiglio esecutivo di Porsche. Implementazioni tecnologiche a parte sugli impianti, sarà sviluppato anche un nuovo schema di orario, improntato alla flessibilità, con turni part-time per i lavoratori in via di pensionamento, sistema attraverso il quale portare a un pensionamento anticipato per coloro gravati dal maggior carico di lavoro. Guardando alle giovani leve, invece, in autunno verrà aperto un centro di formazione per apprendisti a Zuffenhausen, che proseguirà nella specializzazione di 150 giovani ogni anno, come già avviene. L'accordo prevede che tutti coloro i quali supereranno l'esame finale, verranno direttamente assunti in Porsche con un contratto a tempo indeterminato. La misura sarà in vigore fino al 31 luglio 2020. Tornando per un istante al versante più strettamente legato al prodotto, dai rappresentanti dei lavoratori in azienda emerge un punto chiave, che verrà discusso anch'esso in autunno, relativo all'espansione di Porsche con un modello di una nuova serie. «L'intero pacchetto di misure è ricco di significati. Abbiamo negoziato qualcosa di importante, portando avanti molti dei nostri interessi. Gli investimenti assicurano che le nostre zone, quindi i posti di lavoro, saranno al sicuro per gli anni a venire. Ma dobbiamo compiere ancora alcuni passi, per il nostro futuro serve ancora una crescita enorme nella regione e nei vari siti produttivi. Questo sarà possibile solo con un nuovo modello, da sviluppare a Weissach e costruire a Zuffenhausen. Se il Consiglio di sorveglianza dovesse deliberare il progetto, dovremo annunciare una nuova era nel nostro modo di pensare, poi tramuteremo l'idea in un gran successo. Stiamo già lavorando a un documento e lo presenteremo al Consiglio direttivo», ha commentato Uwe Hück, presidente del Consiglio generale dei lavoratori. Fabiano Polimeni

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi