Programmato il futuro della produzione in Germania per i modelli di segmento C, Mercedes guarda al continente nordamericano e stringe un accordo con l'alleanza Renault-Nissan, che porterà a 1 miliardo complessivo di investimenti nel sito produttivo Nissan A2 di Aguascalientes. Daimler e l'alleanza hanno costituito una società ad hoc, incaricata della costruzione e supervisione dell'impianto, la COMPAS (Cooperation Manufacturing Plant Aguascalientes), una joint venture destinata a sfornare dal 2017 oltre 230 mila vetture l'anno, con l'impiego di una manodopera di 3600 addetti entro il 2020. Nuove assunzioni che lavoreranno sulle compatte premium di Infiniti e Mercedes. Si inizierà nel 2017 dal marchio nipponico, per poi lanciare la produzione di veicoli a marchio Mercedes l'anno seguente. Quali saranno i modelli destinati a uscire dall'impianto messicano? Dire compatta premium per Infiniti equivale a dire Q30, pronta al lancio al salone di Francoforte 2015 e commercializzata entro fine anno in Europa. Seguirà, poi, Infiniti QX30, declinazione suv. Entrambe nasceranno su pianale Mercedes, in un gioco delle coppie che vede Stoccarda proporre Mercedes Classe A e GLA come dirette alternative, in aggiunta a Mercedes CLA e CLA Shooting Brake. La società COMPAS è partecipata al 50% da Daimler, con il restante 50% a Nissan. Dettaglio di cruciale importanza, quello di Aguascalientes sarà il primo sito produttivo di auto compatte nell'area NAFTA, avvicinando la produzione ai mercati di riferimento. f.p.