Dopo il Giappone, sbarca in Europa. Prime consegne a novembre, con un listino prezzi che attacca a 118.900 mila euro. Nissan GT-R Track Edition va a riempire quello che apparentemente sembra un vuoto, tra la GT-R aggiornata, presentata al Salone di New York, e la massima espressione, curata da Nismo. Il gap di 30 cavalli è sempre presente, il motore V6 biturbo conferma i 570 cavalli e 637 Nm del restyling, cambia, invece, la taratura delle sospensioni, il gruppo Bilstein Damptronic è stato oggetto delle attenzioni Nismo per migliorare stabilità in curva e sul dritto, dinamica di marcia alla quale contribuisce anche la barra antirollio, modificata e resa più leggera. Senza tralasciare i cerchi forgiati da 20 pollici con gommatura specifica.

A seconda dei mercati europei sui quali viene commercializzata, cambieranno le dotazioni di serie. I sedili sportivi Recaro, bicolore, in pelle rossa e nera, sono standard in Italia, come in Francia e Gran Bretagna, derivati dall'allestimento Black Series, in Germania, invece, fanno parte della dotazione quelli con guscio in fibra di carbonio (optional altrove). In compenso, lo spoiler posteriore in carbonio rientra tra le dotazioni di serie nelle aree con sedili bi-colore. Optional per limare ancor un po' di peso, il cofano del bagagliaio in fibra di carbonio. 

Nissan GT-R, i segreti di Godzilla: la prova in pista

A bordo, l'importante rinnovamento introdotto con Nissan GT-R 2017 è confermato, sotto forma, ad esempio, del NissanConnect da 8 pollici e dell'impianto audio Bose con 11 altoparlanti - altra musica, quella che arriva dai terminali di scarico, in titanio -, dedicata è, invece, la targhetta Track Edition sul tunnel. 

Nissan-Renault, c'è l'accordo con Microsoft per le auto connesse