Dopo Lexus, anche Nissan svela l'arma con la quale andare all'assalto del titolo di SuperGT in classe GT500 nel 2017. L'ultimo round di Motegi ha incoronato Kovalainen-Hirate campioni, migliore GT-R in classifica, quella di Quintarelli-Tsugio, terzi. Il week end corso sul Twin Ring è stata l'occasione per presentare la GT-R Nismo in configurazione 2017, figlia dei nuovi regolamenti, che impongono una riduzione del carico aerodinamico pari al 25%

Nuova GT-R: primo contatto con la Nissan più pistaiola a Spa

Novità più importante tra tutte, che ha richiesto una ridefinizione del pacchetto aerodinamico, non a caso gli interventi si sono concentrati nella zona davanti alle ruote anteriori, dove lo sbalzo è diminuito di 50 millimetri, riducendo l'efficacia deportante sull'asse anteriore, proseguendo nell'area interna al passo e in coda, dove il diffusore dovrà avere dimensioni inferiori rispetto alle soluzioni 2016. 

Ovviamente gli sviluppi nei test non mancheranno, alla ricerca delle prestazioni "perse". Invariate le norme sui propulsori, che continueranno a essere 2 litri turbocompressi, con una potenza oltre i 600 cavalli. Tra i cambiamenti apportati alla nuova GT-R Nismo GT500, l'ottimizzazione della distrubuzione dei pesi e il conseguente abbassamento del centro di gravità. 

La prima uscita è attesa al Nismo Festival sul tracciato del Fuji, il prossimo 11 dicembre. Il palmares del team Nismo in SuperGT GT500 può contare 5 vittorie su 8 appuntamenti quest'anno, preceduti nel 2014 e 2015 dalla conquista del titolo. Caccia che ripartirà nel 2017.

Nissan GT-R, la prova in pista