La miniera d'oro delle risorse interne. Allo stabilimento FCA di Melfi, che abbiamo visitato in occasione dell'inizio della produzione di Jeep Renegade e Compass plug-in hybrid, la Plant Academy è un fiore all'occhiello. Preso ad esempio e in grando di produrre utili.

Di cosa si tratta? Un piano, estremamente evoluto e in perenne sviluppo, di formazione del personale realizzato esclusivamente con forze e competenze interne.

A parole sembra facile, nella realtà ovviamente no. Ma l'esempio della FCA Plant Academy di Melfi è stato esportato in tutto il gruppo. E ha molti concorrenti lo osservano con grande interesse e una punta di sana invidia.

Lo fotografa molto bene l’ingegner Alfredo Leggero, Head of Manufacturing Mass Market Brands per Fiat Chrysler Automobiles.

Competenze e talenti. Plant Academy è nata per valorizzare tutti i vantaggi delle nostre risorse interne. Non ci sono consulenti. Una programma totalmente sostenibile, che ha generato progetti e danaro. Un esempio concreto? Un team leader di 31 anni, a capo di una squadra di sette operai, grazie Plant Academy è diventato responsabile della work place integration (la pre-produzione, ndr) delle Jeep Plug-in Hybrid. E ha presentato il progetto agli americani.

Il mondo che va alla rovescia? No, Plant Academy è una eccellenza nell'eccellenza. Nata nel 2015 con la produzione di Renegade nel sito, è una fabbrica nella fabbrica, però di talenti e idee. Che individua le qualità dei dipendenti, riceve gli input, sviluppa e indirizza le qualità e corregge o amplia la metodologia di lavoro. Ogni situazione è individuata e sviluppata nello stabilimento.

Il progetto Plant Academy è continua espansione, grazie alla digitalizzazione e tutta la migliore tecnologia disponibile, come la realtà aumentata)

Sono tre i gol: formare persone nel ruolo, per non produrre perdite, produrre conoscenza, sviluppare leadership. Nel programma ci sono 3 livelli gerarchici e ben 199 ruoli (un operaio ne deve conoscere almeno 75). Basica, intermedia e avanzata sono i tre gradini della formazione. Lo scopo è rendere automatico il passaggio dal “sapere” al “saper fare“, assieme al riconoscimento delle qualità di organizzazione di comando.

Si tratta di una una formazione attiva, creata dagli operai, con molti elementi nati dalla condivisione di idee. Nel 2018 ne sono state presentate 5.000. Quelle più produttive vengono sviluppate anche negli altri stabilimenti del Gruppo.

Se l'elettrificazione, un passaggio chiave, dell'intero Gruppo FCA è partita da Melfi, è chiaro che lo zampino sia dei risultati conseguiti dalla Plant Acaedemy.