Bugatti Chiron Super Sport è una serie speciale, da soli 9 esemplari e dal prezzo, tasse escluse di 3,2 milioni di euro, che rappresenta una cellula profondamente diversa, nella forma e nel comportamento dinamico, rispetto alle altre versioni di questo modello.

Per un motivo alquanto esplicito: ai 4,54 metri di lunghezza canonici di Chiron aggiunge 25 centimetri in coda che le cambiano profondamente i connotati. Con prese d’aria, estrattore e gruppi ottici specifici.

Cambia l’aspetto per garantire una migliore aerodinamica per la versione che rientra nel solco delle “SS”, le Bugatti più prestigiose. Le consegne dei primi esemplari sono previste nel 2022. E’ ispirata alla Super Sport, la 300+, ma con vocazione meno estrema. Con un assetto ottimizzato per la migliore stabilità alle altissime velocità.

Scheda tecnica

Più filante, ma anche più leggera, anche se di poco: sono stati risparmiati 23 kg e si possono richiedere i cerchi i magnesio per una maggiore efficienza. 

Il motore, l’otto litri W16 quadri-turbo, eroga 1.600 cavalli, cento in più a confronto di Chiron standard, potendo salire fino a 7.100 giri grazie a modifiche alle testate, alla pompa dell’olio e ovviamente alla turbina. Aggiornato con una nuova frizione anche il cambio automatico a sette marce.

La velocità massima è di 440 km/h, ma soprattutto l’accelerazione da 0 a 200 km/h si completa in 5,8 secondi, da 0 a 300 km/h in 12,1 secondi e Bugatti annuncia uno 0-400 km/h più rapido del 7% rispetto alle altre versioni, ma non ha ancora comunicato il dato ufficiale. 

Gomme testate come quelle dello Space Shuttle

Stratosferica, tanto che gli specifici pneumatici Pilot Sport Cup 2 sono omologati fino a 500 km/h, che Michelin controlla prima della consegna ai raggi X e testa sul banco a rulli che decenni fa fu utilizzato per testare le gomme dello Space Shuttle.

Le 10 auto più veloci al mondo nel 2021