Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Fermato per eccesso di velocità, si giustifica: "È un circuito!"

Fermato per eccesso di velocità, si giustifica: "È un circuito!"

L'autista di una Bmw 320i Serie 3 è stato beccato oltre i limiti a Mount Panorama, in Australia. Sebbene sia una pista, fuori dalle gare il massimo è 60 km/h e la giustificazione del pilota improvvisato non è piaciuta alla polizia

di Redazione

5 luglio

Correre tra i cordoli di un circuito è un sogno per molti appassionati, ma in alcuni posti del mondo è possibile farlo quotidianamente. In Australia, per esempio, la pista di Mount Panorama ospita la 12 ore di Bathurst e la Bathurst 1000, ma nella vita di tutti i giorni è una strada accessibile a tutti i mezzi. Il punto è che, al di fuori delle competizioni, i limiti stradali sono di 60 km/h, anche se qualcuno non lo ha capito.

Il doppio della velocità

La polizia australiana ha multato il conducente di una Bmw 320i Serie 3 proprio sul circuito, perché viaggiava a 119 km/h sull’asfalto. Gli agenti stavano effettuando controlli nell’area proprio perché la pista induce spesso in tentazione, fermando l’automobilista. La sua giustificazione è stata la più elementare e irriverente: “Pensavo fosse un circuito”. La legge non ammette ignoranza, così gli agenti hanno comminato una sanzione di oltre 1.600 euro in quanto il limite di velocità era stato superato di più di 45 km/h. Detratti sei punti e sospensione della patente per sei mesi con effetto immediato, mentre l’auto è stata sequestrata per tre mesi. Forse la prossima volta che vorrà sentirsi in gara, questo aspirante pilota ci penserà due volte.

Lamborghini, Aventador speciale in arrivo: si svela il 7 luglio

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi