Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Stellantis, stop anche a Melfi per la crisi dei chip. Ford riduce le dotazioni

Stellantis, stop anche a Melfi per la crisi dei chip. Ford riduce le dotazioni

Continua l'impatto della crisi di fornitura di semiconduttori all'industria dell'auto. Stellantis rinvia la riapertura dell'impianto di Melfi, che opererà solo per 5-6 giorni a settembre. Intanto, Ford nel Regno Unito tampona la crisi riducendo gli Adas

2 settembre

Ripartirà solo il 13 settembre e non il 6 come inizialmente programmato, l'attività presso lo stabilimento Stellantis di Melfi. Dopo aver fermato la produzione a Pomigliano e, da inizio settimana, presso la Sevel Sud in Abruzzo, la crisi dei semiconduttori si estende all'impianto lucano di Melfi. Casa della Fiat 500X, della Jeep Renegade, di Jeep Compass.

Dalle organizzazioni sindacali sono giunte indicazioni di un settembre che vedrà una riduzione dei turni e la prospettiva che si lavori solo per 5-6 giorni, una volta riavviata l'attività.

Leggi anche: Emilia GT Veloce è l'Alfa Giulia GT da 500 cv

Delle prospettive sull'andamento della crisi di approvvigionamento abbiamo già scritto, le previsioni indicano difficoltà nel garantire la fornitura globale fino al prossimo anno. Inizialmente, a inizio 2021, quando la crisi legata all'approvvigionamento dei microchip - nello specifico per l'industria automobilistica -, gli analisti prospettavano una ripresa progressiva della normalità nel corso del terzo trimestre dell'anno. 

Ford sceglie di ridurre gli Adas

L'impatto sulla produzione è stato generalizzato, ha colpito a fasi alterne tutte le grandi case costruttrici. C'è poi chi ha scelto di tamponare le difficoltà riducendo le varianti di modello in via temporanea: minori dotazioni a bordo, specialmente legate a sistemi di assistenza attiva alla guida, per non fermare del tutto le linee produttive. 

In Ford, ad esempio, la decisione nel Regno Unito di proporre allestimenti meno ricchi di componenti per i quali i microchip sono essenziali, a fronte di attese nelle consegne "solo" di uno o due mesi.

Leggi anche: I servizi per la mobilità al centro del Salone di Monaco

"La carenza globale di semiconduttori ha impattato quasi tutti i costruttori, Ford compresa. Per poter rispondere alle esigenze dei nostri clienti su Puma ed EcoSport, Ford sta riallineando i contenuti di un ridotto volume di veicoli per limitare l'impatto della carenza di microchip", ha confermato un portavoce del marchio in Gran Bretagna.

Segnatamente, saranno la frenata autonoma d'emergenza e il mantenimento attivo di corsia, l'automatismo di attivazione degli abbaglianti, i sensori posteriori di parcheggio, alcune delle funzioni a non essere proposte sugli allestimenti provvisoriamente riorganizzati. 

Ford Puma ST: foto

Ford Puma ST: foto

Il trattamento Ford Performance trasforma il crossover Puma in ST, ovvero, 200 cavalli sotto al cofano, differenziale meccanico Quaife, l'elettronica giusta per personalizzare il carattere dall'efficienza e i bassi consumi in Eco alla massime prestazioni in Track. A bordo, i sedili Recaro trasformano l'ambiente, fuori sono i cerchi da 19 pollici a spiccare

Guarda la gallery

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi