Quando la prima serie di Audi A5 Coupè debuttò nove anni fa il suo autore, Walter de Silva, dichiarò che era la più bella auto che avesse mai disegnato, e il pubblico gli ha dato ragione decretando il successo del modello. Oggi de Silva è in pensione e la nuova Audi A5 Coupè, tre porte, che abbiamo potuto provare in anteprima su un percorso lungo la valle del Douro, quella dove nasce il vino di Porto, si sottopone prima di tutto a un giudizio che per forza di cose diventa più rigoroso.

La A5 si presenta con qualche centimetro di più in lunghezza (oggi sono 4,67 m) ma con larghezza e altezza praticamente immutate nonostante sia nuova la piattaforma su cui è realizzata, quella delle recenti Q7 e A4, che ha contribuito a una riduzione di 60 kg di massa. L’evoluzione stilistica è notevole, e appare ispirata più dal design delle ultime Audi che non dalle forme della prima serie.



Su tutto domina il grande cofano profondamente rastremato che termina in un frontale dove la nuova calandra Audi è larga e bassa per sottolineare la sportività della vettura. Rispetto al precedente modello la nuova A5 presenta diverse nervature sul cofano e sulle fiancate che ne cambiano la fisionomia e ne sottolineano la muscolarità.

La sensazione di potenza e vigore è immediata e viene ribadita quando ci si mette al volante per provare alcuni dei propulsori previsti per il lancio commerciale che avverrà il prossimo autunno (i prezzi saranno comunque resi noti nel corso dell’estate per avviare la prevendita).

A parità di cilindrata crescono le potenze sia dei benzina (2.0 TFSI da 190 e 252 CV), sia dei turbodiesel TDI (2.0 da 190 CV e 3.0 da 218 e 286 CV); in cima alla gamma la S5 equipaggiata del tremila, V6, che eroga una potenza massima di 354 CV (20 in più rispetto alla prima serie) abbinato esclusivamente alla trazione quattro e al cambio automatico tiptronic a otto rapporti.

Su tutte le A5 Coupè anche all’interno il legame con Q7 e A4 è molto forte ed è sottolineato dalla possibilità di personalizzazione offerta dal complesso virtual cockpit, la parte visibile della raffinata e ricchissima tecnologia di infotainment della quale le nuove Audi sono dotate. I competitor nel mirino sono i coupé di Bmw Serie 4 e Mercedes-Benz Classe C che A5 Coupé va a sfidare con un prezzo di listino che dovrebbe partire da 45mila euro.

Al Salone  dell’auto di Parigi, in ottobre, Audi farà debuttare anche la versione Sportback a cinque porte, quella che con la prima serie ha rappresentato oltre il 60% di tutte le A5 vendute. Senza fretta toccherà poi alla Cabriolet.