L’arrampicatore, per vocazione e per capacità tecniche. Meglio di un camoscio, a suo agio su rocce e alte vette, il nuovo Land Defender 110 X-Dynamic SE D300 (leggi qui) Auto regala grandi emozioni ma al tempo stesso è capace di domare le grandi paure perché non teme ostacoli. E di conseguenza mette a suo agio e “rasserena” chi è al volante. Un fantastico incrocio di tecnologia e di potenza abbinate alla comodità che non diminuisce nemmeno quando si vanno ad affrontare le situazioni estreme, soli contro… l’imprevisto e l’imprevedibile. In sostanza, coniuga due aspetti, ma nasce per raggiungere mete impensabili.

La scheda tecnica

Defender 110 X-Dynamic SE D300 porta al debutto il sei cilindri in linea da 3.0 litri, ed è un piacere sentire la potenza e la capacità di questo motore (declinato anche con cavalleria inferiore, 200 e 250 CV) bi-turbo diesel abbinato alla tecnologia MHEV (Mild-Hybrid) da 48V. Forte di una coppia da 650 Nm e di 300 CV, abbinato alla tecnologia All-Wheel Drive e alla trasmissione automatica a 8 rapporti. Un motore che permette di provare alte velocità (191 km/h dichiarati) con una forza di accelerazione da 0 a 100 km/h, insomma è la più potente per togliersi vere soddisfazioni fuoristradistiche senza lasciare nulla per… strada (inteso come asfalto). Non solo, ma vogliamo “stra…fare”? Ebbene ci sono anche 10 cv in più portati dal motorino elettrico che funziona da starter. 

Come funziona l'elettronica di bordo

La grande coppia è a disposizione praticamente istantanea, gestita con grande efficacia dal cambio automatico a 8 rapporti ZF, fluido e senza sussulti (o salti), anche spingendo un po’ a fondo (cambia forse l’eco), ma non è necessario perchè fin dai bassi regimi ci si sente a proprio agio nella cambiata e non ci sono i presupposti per forzare. Sulla carta può spaventare il peso, ma la gestione elettronica delle cambiate riesce a fornire la migliore soluzione per la situazione di guida in cui ci troviamo. L’elettronica è sofisticata, fantastica quando ci si sposta nell’offroad dove la tecnologia aiuta a evitare l’errore anche di chi ha meno esperienza nelle situazioni estreme. A questo pensano le varie impostazioni di guida, come il Terrain Response e le marce ridotte integrate nella scatola del cambio e pronte ad appoggiare la specificità della trazione intelligente AWD: al limite è bene prendere dimestichezza con i vari comandi touch prima di lanciarsi in… nuove avventure, così dopo tutto diventerà più semplice. Nell’offroad estremo si apprezza in particolare l’intervento del differenziale meccanico a controllo elettronico. 

Come va su strada

Serve ancora qualche numero per capire la portata delle possibilità a disposizione di chi guida: intanto le angolature di 38°, 40° e 28°, la capacità di guado che arriva a 90 cm e c’è il comando per alzare l’auto di circa 15 cm. Alla fine del test, richiamando la schermata specifica, ci si accorge che l’imponente Defender 110 X-Dynamic ha contenuto i consumi sotto i 10 km/l e che la resa su strada è stata più che soddisfacente anche nei tratti più ondulati e pieni di curve dove dinamica e stabilità sono andate oltre le attese. E non abbiamo parlato di dotazioni interni, di comodità elevata, di qualità dei materiali, di cura dei dettagli, della buona insonorizzazione anche in velocità, del più che apprezzabile sistema di ventilazione dell’abitacolo che ha respinto l’intenso caldo dell’entroterra catalano. La scheda parla di 20 tecnologie d’appoggio nel modello provato. Se si vuole “aggiungere” qualcosa in particolare, il listino optional è comunque ricco. Un particolare sguardo alle sospensioni pneumatiche elettroniche con l’Adaptive Dynamics che regola ammortizzatori e scocca con effetti continui e immediati.