Interni

L’hi-tech sposa il retrò

La plancia è un bell’esempio di stile “retro-tech”, con elementi del passato (linearità delle forme, bocchette) miscelati a tocchi hi-tech. Pregiati i materiali, dalla pelle che riveste l’intero abitacolo al tunnel in alluminio. A fianco, notare le luci a Led sopra il display: si accendono in progressione all’avvicinarsi del limitatore.

Il cervello elettronico a portata di mano

Sulla parte sinistra del tunnel centrale ci sono i tasti di servizio: da sinistra a destra, il pomello per selezionare i 4 programmi del cambio automatico e per attivare la procedura di partenza; il tasto avviamento motore, quello per i 3 programmi dell’ESP, per sollevare l’ala, infine il tasto AMG per richiamare le proprie impostazioni predefinite per cambio e ESP.

I più bassi faticano a chiuderla 

Non appena viene sbloccata la centralizzata con il telecomando, dalle porte fuoriesce la maniglia per sollevare la portiera; una volta in movimento, dopo i 10 km/h, l’appiglio torna in sede. La portiera si apre con un angolo di 70- (dunque anche i spazi stretti) e senza sforzo, perché assistita da due grossi pistoni idraulici. Qualche problema invece a richiuderle, una volta a bordo, per i più bassi di statura. A fianco i sedili: sul lato destro ci sono i tasti per variare il livello di contenimento dei fianchetti. Lo schienale dei sedili è in magnesio.

Mercedes SLS AMG, mette le ali