Car of the YearOrganizzatore italiano del premio
The Car of the Year

Ford GT, ritorno alla 24 Ore di Le Mans

Ford GT, ritorno alla 24 Ore di Le Mans
Correrà contro Ferrari, Porsche, Aston Martin e Chevrolet nella classe GTE Pro dal 2016

di Redazione

12 giugno 2015

E' un ritorno in grande stile, quello di Ford alla 24 ore di Le Mans. L'annuncio era nell'aria e si è concretizzato nel venerdì di "quiete prima della tempesta" sul circuito de La Sarthe. Bill Ford, Mark Fields e Raj Nair erano i protagonisti attesi della conferenza stampa annunciata da Ford Performance, ma non sono stati da soli, accanto alla Ford GT modificata per correre nella classe GTE Pro tra un anno. C'era anche Chip Ganassi, titolare dell'omonima scuderia impegnata su molteplici fronti (Nascar, Indycar, IMSA, GRC) ai quali si sommerà l'impegno nel mondiale Endurance Fia (WEC) il campionato Tudor United SportsCar Championship. Verranno schierate quattro macchine in tutto alla 24 ore di Le Mans 2016, che coinciderà con il cinquantenario della tripletta di Ford GT40, compleanno che la casa statunitense aveva già previsto di festeggiare con il lancio sul mercato della versione stradale di Ford GT concept, anticipata allo scorso Salone di Detroit. Una veste aerodinamica specifica, modificata soprattutto al posteriore, con l'adozione di un'ampia ala per ottimizzare il carico deportante, rappresenta l'elemento visivo di maggior cambiamento rispetto alla GT "normale", livrea a parte. "Scontate" le modifiche all'estrattore e all'impianto frenante.

La fotogallery di Ford GT LM GTE Pro

Guardandola attentamente si scoprono anche i terminali di scarico riposizionati, appena davanti le ruote posteriori, insieme a uno splitter più ampio e le pinne davanti alle ruote anteriori, oltre a due prese d'aria separate, una dedicata al propulsore, l'altra appena davanti i supporti dell'ala, riservata a raffreddare la trasmissione. Interessante scoprire che sul motore V6 3.5 litri Ecoboost saranno adottati dei componenti stampati in 3D, sulla falsariga di quanto fatto in altri impieghi della stessa unità. E' propulsore già avvezzo alle corse in pista, avendo debuttato nel campionato Tudor United SportsCar nel 2014 e con il quale Ford, insieme al team di Chip Ganassi con Felix Sabates, ha vinto alla 12 ore di Sebring e la 24 ore di Daytona. Proprio a Daytona, nel gennaio del prossimo anno, ci sarà il debutto in pista, dove si scontrerà con rivali come Ferrari 458 Italia, Porsche 911, Chevrolet Corvette, Aston Martin Vanquish. Fabiano Polimeni

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi