L'aggiornamento della gamma Porsche 911, il restyling destinato a debuttare al Salone di Francoforte 2015, svela ancora qualche pezzettino di sé. Si compone lentamente il quadro delle modifiche intervenute per adeguare l'icona del marchio di Zuffenhausen, lasciando ancora un punto interrogativo su quelle che saranno le motorizzazioni sotto il cofano. C'è l'attesa per un profondo rinnovamento, interamente votato alla sovralimentazione mediante turbocompressori, ma con quali cubature? Su Porsche Cayman e Boxster arriveranno i quattro cilindri boxer, capaci di staccare fino a 395 cavalli di potenza, quale strada seguiranno i tecnici per la novecentoundici? In attesa che arrivino risposte (e dati) dalla scheda tecnica, siamo in grado di svelare quali particolari aggiuntivi vanno a sommarsi ai tre già anticipati nei giorni scorsi, ovvero l'adozione dei due terminali di scarico accentrati, gli sfoghi d'aria dietro le ruote posteriori e la griglia di raffreddamento sul cofano motore a elementi verticali. Proprio da quest'ultima vogliamo partire, per segnalare una differenziazione tra le varie versioni di Porsche 911. Le foto spia ufficiali svelate da Porsche offrono una vista privilegiata per intravedere una configurazione differente delle aperture, indizio buon per immaginare un disegno diversificato a seconda della 911 in questione: cabrio o coupé. Al retrotreno, le immagini con lo spoiler spiegato mostrano un elemento che si apre maggiormente rispetto al passato e con un'incidenza maggiore. Non sembra seguirà la strada dei terminali di scarico al centro, mantenendoli sdoppiati alle estremità, Porsche 911 Targa, riconoscibile nel gruppo.

Le foto di Porsche 911 restyling

Passando all'avantreno, dovrete allenare l'occhio per scorgere le luci diurne a led allungate sopra le prese d'aria esterne del paraurti, così come il diverso disegno della zona centrale, ai lati del portatarga. Dentro l'abitacolo ci sarà posto per un infotainment aggiornato agli ultimi standard della connettività con smartphone Apple e Android, ma è un'altra la novità che cattura l'occhio: il volante. Tre razze in alluminio e comandi multifunzione, raccontata così sembrerebbe ben poca cosa, ma su uno degli esemplari dei test su strada si scopre anche un satellite ripreso pari pari dalla Porsche 918 Hybrid, mediante il quale variare i parametri di risposta di ammortizzatori, cambio e prevedibilmente altre tarature. Di minore importanza, ma di fatto presente, è il disegno leggermente modificato delle razze medesime.   Fabiano Polimeni