Solo stile? Non esattamente. Skoda Octavia RS guadagna il restyling che ha già trovato diritto di cittadinanza sulle versioni più razionali della berlina e station wagon ceca. La calandra con una porzione dei gruppi ottici a proseguirne le linee, poi il proiettore principale, accompagnato dalle luci supplementari in basso. Rigorosamente a led: luci diurne, anabbaglianti e abbaglianti. Per assicurare un'illuminazione ideale in ogni condizione di guida, sistema adattivo. Questo è il particolare che salta subito all'occhio, ma non incide minimamente sulla dinamica di marcia della più potente Skoda Octavia a listino.

Due alternative, entrambe 2 litri di cilindrata: il TSI benzina assicura 230 cavalli e 350 Nm di coppia, già a 1.500 giri/min e costanti fino ai 4.600; il TDI ne offre "solo" 184, pur con una spinta più vigorosa, da 380 Nm a 1.750 giri/min. Come si traducono in prestazioni questi numeri? Più veloce la RS benzina, fa i 250 km/h e sono sufficienti 6"7 per lo 0-100 km/h, contro un 7"9 della TDI, che si ferma a 232 km/h. La rivincità della TDI arriva alla voce consumi: 4.5 litri/100 km contro 6.5 litri della TSI.

Detto della disponibilità del cambio DSG 6 marce in alternativa al manuale sulla Octavia RS benzina, medesima possibilità offerta dalla TDI due ruote motrici, se la preferenza va alla RS integrale a gasolio, allora la strada obbligata è quella del DSG. 

Stile a parte, calandra nera con finitura lucida, ripresa al posteriore, sulle barre longitudiali, la cornice dei finestrini e le calotte degli specchietti, le Octavia RS si presentano con un asse posteriore più largo di 30 millimetri nel confronto con il passato, mentre l'altezza da terra è 15 millimetri inferiore alle altre versioni. Dall'abitacolo si potranno ritagliare tre diverse modalità di guida dal Dynamic Chassis Control: Comfort, Normal o Sport, in un quadro che conta anche la presenza dello sterzo progressivo, dell'ESC con sistema XDS+ e il generatore di sound sportivo, quest'ultimo a richiesta.

Il restyling ha portato sulla Octavia una ventata di novità sull'infotainment, proponendo schermi più grandi e meglio rifiniti. Anzitutto con tecnologia capacitiva, poi con diagonale fino a 9.2 pollici e protezione in vetro, tranne che sulla proposta radio di base, la Swing, di serie. Il comparto dei sistemi di assistenza alla guida include dispositivi come l'assistente per il rimorchio, il radar per l'angolo cieco, il Rear Traffic Alert, un Front Assist anti-collisione con frenata d'emergenza e protezione dei pedoni, fino al Crew Protect Assist, che nell'imminenza di un impatto chiude i finestrini e stringe le cinture di sicurezza per garantire la massima protezione agli occupanti.