La McLaren P14 che sarà presentata all’87° Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra il 7 marzo, promette di essere la stradale della Casa di Woking con la capacità dinamica più vasta, primeggiando sui percorsi misti, in piacere di guida e persino in comfort, relativamente alla categoria.

MCLAREN P14 AL SALONE DI GINEVRA

La seconda generazione della Sport Series di McLaren avrà in dote il Proactive Chassis Control II (Controllo dello Chassis Proattivo II) con con modalità Comfort, Sport o Track utili a trovare l’equilibrio ottimale nella trazione in curva, responso dinamico e il comfort di guida più adatti al pilota.

Il Proactive Chassis Control II ha 12 sensori in più dei modelli della Super Series precedenti, che includono un accelerometro su ogni mozzo delle quattro ruote – che “legge” le informazioni che vengono dalla strada e calcolano la superficie della gomma che viene a contatto con l’asfalto. L’informazione viene analizzata in millesimi di secondo dall’algoritmo dell'Optimal Controller nel cuore del sistema e lo smorzamento delle sospensioni viene immediatamente ottimizzato secondo le informazioni registrate.

IL TELAIO DELLA NUOVA MCLAREN

Così lo spiega Mark Vinnels, Executive Director – Product Development: "Il Proactive Chassis Control IIgenera un significativo aumento nella trazione, ma senza nulla togliere all’equilibrio e il confort".

L'AERODINAMICA DELLA P14

Una nuova caratteristica tecnica è il McLaren Variable Drift Control (inserimento della funzione di controllo del drift), che garantirà un maggiore coinvolgimento da parte del guidatore che vuole esplorare a fondo le capacità dinamiche della seconda generazione della Super Series, grazie al livello di intensità dell’Electronic Stability Control che potrà essere regolato manualmente e velocemente con un semplice gesto delle dita attraverso il comando visualizzato sullo schermo centrale dell’infotainement.