Attraverso un’originalità stilistica assoluta ha introdotto una nuova generazione che si dichiara berlina ma ha evidenti tratti di crossover. Nuova Citroen C4 riempie di contenuti le anticipazioni legate al design, un richiamare proporzioni e tagli un po’ di GS, tanto di C4 Coupé e berlina del 2004, una firma di CXperience.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

Andrà a presidiare il segmento C, nel quale rientra di diritto con i 4,36 metri di lunghezza per un passo di 2,67 metri. Sono le quote vicine ai progetti di riferimento, completate da un’altezza di 1,52 metri questa sì diversa un po’ da tutto. Cinque, sei centimetri in più ai quali dire grazie una volta seduti all’interno, per una prospettiva rialzata che richiama il crossover, oltre a dettagli dello stile esterno evidenti nelle protezioni in plastica.

Interni di nuova C4, comfort parola d'ordine

Dall’abitacolo si ha il miglior punto d'osservazione per il racconto di nuova Citroen C4, tanta è l’enfasi sulle caratteristiche di comfort a bordo. I finecorsa idraulici delle sospensioni sono diventati un marchio Citroen, progressivi negli smorzamenti degli ammortizzatori, amplificano la comodità su molte imperfezioni dell’asfalto. I sedili Advanced Comfort, più ampi, morbidi al punto giusto, sono il secondo elemento della narrazione, completata da un’inedita soluzione porta-tablet, installata davanti al passeggero anteriore. Lo Smart Pad Support ha punti di attacco integrati sulla plancia, dotata di un tavolino a scomparsa completato dallo spazio ricavato sul sedile posteriore, tra gli schienali esterni.

Bagagliaio nella media

I vani portaoggetti sono numerosi, non manca lo spazio di ricarica wireless del telefono né una sezione multimediale adeguata. Nel bagagliaio, i 380 litri disponibili si attestano sui valori medi delle proposte di berline compatte 2 volumi (Golf, Leon, Focus, Astra, Megane), dove a eccellere è la Fiat Tipo 5 porte (440 litri).

Multimedialità connessa

L’infotainment è su schermo da 10 pollici, ultrasottile e privo di cornice, come la strumentazione digitale configurabile, completata da un head up display a colori. Connettività sempre online, per un controllo dell’auto anche via app My Citroen e per i servizi del Connect Assist, gratuito, con la eCall e un servizio di assistenza attivo 7 giorni su 7 e H24.

La navigazione con mappe TomTom e info sul traffico in tempo reale ha la rappresentazione 3D.

Gli interni si potranno personalizzare in 6 pacchetti di colori e materiali, dove l’esterno prevede fino a 31 soluzioni di abbinamento tra tinte.

Adas, Livello 2 in autostrada

Un design anticonformista soprattutto nel complesso retrotreno, tra intrecci di luci a led, lunotto, spoiler. Da verificare la visibilità in manovra nel tre quarti posteriore. In soccorso arrivano numerosi Adas, 20 dispositivi che hanno nell’assistenza di Livello 2, nell’Highway Driver Assist il contenuto principale: gestisce mantenimento autonomo della corsia e l’andatura della C4. Cruise control adattivo con stop&go proposto, al pari del mantenimento di corsia, anche come Adas a sé stante.

Dopo il lancio su Citroen C3, anche nuova C4 porta a bordo la camera – dedicata e diversa da quella degli Adas – Citroen ConnectedCam, a registrare su una SD da 16 gb le immagini durante la guida, con definizione HD e dati GPS sulla posizione del veicolo. Una dash cam utile sia in caso di incidente che per una “documentazione” on the road.

Motori, oltre l'elettrico i PureTech e i diesel

Su strada sarà Citroen e-C4, elettrica da 350 km di autonomia e una velocità massima di 150 km/h, dallo scatto adeguato (9”7 sullo 0-100 km/h) e un pacco batteria da 50 kWh ricaricabile da postazioni rapide a 100 kW, sebbene resti il Wallbox da 11 kW trifase (può operare anche su impianti AC monofase) la soluzione ottimale con le sue 5 ore necessarie per una carica completa. D’emergenza, invece, il dover ricorrere alla presa 230v viste le 15 ore richieste da una presa a 16A e oltre 24 per una comune presa domestica.

Sfoglia il listino Citroen: tutti i modelli sul mercato

Elettrico alternativa a listino, dove saranno i motori turbo benzina PureTech e i diesel BlueHdi a fare la parte del leone. Citroen C4 1.2 PureTech monterà un’unità da 100 o 130 cavalli, con cambio manuale o automatico 8 marce sul 130 cv; EAT8 di serie su C4 PureTech 155 cv, sempre 1.2 litri e con 240 Nm di coppia motrice attesa.

Capitolo diesel per dire dei due 1.5 litri da 110 cavali manuale e 130 cavalli automatico 8 marce.