Sperimentale, come fosse un prototipo. E, Dallara EXP, un prototipo esclusivo, pensato e destinato alla pista, lo è. Uno dei muletti di sviluppo si fatto ammirare a Monza, in occasione del MiMo, rivelando alcuni dei contenuti tecnici che la differenzieranno dalla.... Stradale. 

C'è un'estremizzazione tecnica visibile a occhio nudo, che passa dai sedili con protezioni ai lati del casco del pilota e si estende al comparto aerodinamico, ulteriormente affinato.

Caratteristiche

Svilupperà una deportanza maggiore, ben  1.250 kg per un progetto dal peso di appena 890 kg. Specifiche frutto di una rivisitazione che parte dall'avantreno, tra splitter e flics davanti alle ruote anteriori e prosegue fino al diffusore, più curato con due derive ulteriori nella zona centrale dell'estrattore. 

Leggi anche - Dallara Stradale, una barchetta fatta come un'auto da corsa

Quanto all'ala posteriore, dall'elemento a profilo singolo si passa a un piano principale più flap, supportato da nuovi elementia collo di cigno.. 

Per bilanciare la pressione aerodinamica tra i due assi e ridurre la portanza all'avantreno sono state ricavate delle feritoie di sfogo dell'aria dal vano ruota, dove si creano turbolenze nocive. 

Della potenza del motore 2.3 litri EcoBoost si attende un incremento sostanziale rispetto ai 400 cavalli della Dallara Stradale. Come anche interverranno regolazioni elettroniche ulteriori, oltre - è scontato segnalarlo - alla dotazione di gomme slick per la massima aderenza tra i cordoli.