BMW M3 CS, su i cavalli e giù il peso: così è diversa dalla Competition

BMW M3 CS, su i cavalli e giù il peso: così è diversa dalla Competition

La trazione quattro ruote motrici resta sulla CS, con possibilità di funzionamento esclusivamente posteriore. Il motore 6 cilindri è il più potente dell'offerta M3 

25 gennaio

Ha i cavalli di una M4 CSL, con il pregio però di offrire quattro posti a bordo. Della Competition conserva la trazione xDrive, eppure riesce a essere 20 kg più leggera.

BMW M3 CS va a completare un'offerta mai così ampia per la sportivissima berlina. Alla proposta M3 affianca la M3 Competition, la M3 Touring e, dal mese di marzo, entrerà in produzione - in tiratura limitata - la versione CS. 

BMW M3 CS

BMW M3 CS

L'evoluzione massima del progetto M3 arriva allo stadio CS, ovvero, un alleggerimento rispetto all'offerta Competition xDrive e un incremento di potenza, su valori che portano il motore 6 cilindri 3 litri alla pari della M4 CSL

Guarda la gallery

Motore, aumenta il boost del turbo

Dal motore 6 cilindri 3 litri twin turbo estrae 40 cavalli più rispetto alla Competition, un incremento ottenuto lavorando sulla pressione di sovralimentazione dei due turbocompressori monoscroll. Da 1,7 bar i tecnici BMW M (qui trovi i modelli sul mercato dell'usato) hanno portato il valore a 2,1 bar, ottenendo 550 cavalli e 650 Nm di coppia.

Invariata la trasmissione, il cambio automatico 8 marce con tarature specifiche e la trazione xDrive personalizzabile. Si lascia guidare come una quattro ruote motrici, oppure, una 4WD Sport con ripartizione della coppia spostata al posteriore, o ancora una due ruote motrici pura. Il differenziale a controllo elettronico aiuta a massimizzare la trazione in uscita di curva e il controllo di trazione personalizzabile su 10 differenti livelli di intervento offre un ampio ventaglio di regolazioni e reazioni del posteriore.

Prestazioni superiori

Diciamo subito delle prestazioni di cui è capace M3 CS. Accelera in 3"4 sullo 0-100 km/h, è un decimo più rapida di una M3 Competition, mentre ai 200 orari arriva dopo 11"1 con partenza da fermo. La velocità massima è autolimitata a 302 km/h.

Scarico in titanio e tanta fibra di carbonio

Gli interventi sul motore non esauriscono le modifiche che trasformano la M3 Competition in M3 CS. I componenti in fibra di carbonio, insieme allo scarico con silenziatori in titanio (-4 kg) permettono di ridurre le masse di 20 kg, per un valore atteso a 1.760 kg.

Il tetto, il cofano motore, le appendici aerodinamiche, il diffusore posteriore, sono tutti elementi in CFRP. All'interno, la cura dimagrante prosegue con i sedili M Carbon, mentre le palette del cambio sono essenzialmente un trattamento estetico nella loro realizzazione in carbonio.

Cerchi forgiati di serie, duplice scelta di gomme

Pura sostanza, invece, è la conferma dell'impianto frenante M Compound con possibilità di regolazione del feeling del pedale su due differenti tipologie di "attacco" della frenata. L'impianto carboceramico fa parte degli optional, idem per la struttura in alluminio, di irrigidimento tra i duomi anteriori. Anche le gomme stradali rientrano nell'elenco delle dotazioni a richiesta, sebbene senza sovrapprezzo. Di serie, M3 CS propone cerchi forgiati da 19 e 20 pollici, con gomme specifiche per l'utilizzo in pista, nella misura 275/35 R19 e 285/30 R20.

La cura riservata all'assetto è nelle sospensioni adattive con taratura specifiche per la CS, lo stesso vale per il servosterzo a demoltiplicazione variabile. 

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi