Opel Astra Elettrica, il test della nuova compatta alla spina

Opel Astra Elettrica, il test della nuova compatta alla spina

Agile, silenziosa e particolarmente piacevole da guidare grazie a un peso contenuto, un’elevata insonorizzazione acustica e un motore elettrico da 156 cv

di Federico Cociancich

20 giugno

Opel ha mostrato a Berlino alla stampa internazionale la nuova Astra 100% elettrica, la nuova versione della compatta tedesca, già disponibile con motore termico, sia diesel, sia benzina, in versione plug-in Hybrid e sportiva (Gse). Entro fine anno, a completare la gamma, arriverà anche la versione station wagon: sarà la prima familiare alla spina di una casa automobilistica tedesca. Da tempo Opel ha annunciato l’intenzione di puntare tutto sull’elettrificazione della propria gamma: già dal prossimo anno tutte le vetture del brand tedesco avranno almeno una versione elettrificata e dal 2028 l’intera proposta della Casa di Rüsselsheim sarà elettrica.

Nuova Opel Astra Elettrica

Nuova Opel Astra Elettrica

Dopo le versioni a motore termico, quella plug in Hybrid e la supersportiva GSe, a breve in arrivo anche la versione Full Electric della Opel Astra

Guarda la gallery

Leggera e parca nei consumi

Astra elettrica è lunga 4,37 metri, larga 1,86 metri e pesa appena 1.690 kg: l’utilizzo di materiali leggeri, il portellone posteriore, ad esempio, è realizzato con resine termoplastiche, e una batteria di media capienza, le permettono di avere ben 100 kg di peso in meno rispetto alle dirette concorrenti. La compatta tedesca è dotata di un motore elettrico in grado di generare 156 cv (115 kW) di potenza e ben 270 Nm di coppia massima. La batteria da 54 kWh, e un ottimo lavoro sui pesi effettuato dai tecnici Opel, le consentono un’autonomia di 418 km (con ciclo WLTP), consumando solo 14,8 kWh di energia per 100 chilometri: un ottimo risultato considerando il segmento al quale appartiene. La nuova Astra sfrutta la piattaforma Emp2, giunta oggi al suo terzo aggiornamento, con la batteria collocata sotto il pianale: questa soluzione consente di abbassare il baricentro, avere più spazio all’interno dell’auto, e fornisce una rigidità torsionale maggiore del 31% rispetto alle altre versioni. Se connessa a una colonnina a corrente continua da 100 kW si ricarica all’80% in circa 30 minuti ed è inoltre dotata di serie del caricatore trifase da 11 kW in corrente alternata, utilizzabile con le colonnine pubbliche oppure con una wallbox casalinga. 

Opel Astra Electric, gli interni

Gli interni sono razionali, con finiture di qualità tedesca e una notevole silenziosità. Il sedile del guidatore è certificato AGR, un’associazione indipendente di medici posturali tedeschi, e offre ben 10 regolazioni tra cui l’altezza, la corsa longitudinale, l’inclinazione del sedile e quella dello schienale, il supporto delle cosce, il sostegno lombare, oltre al riscaldamento per i mesi freddi. Per il sistema di infotainment è stata scelta la piattaforma integrata Snapdragon Automotive Cockpit di Qualcomm, che sfrutta due grandi schermi widescreen da 10 pollici per visualizzare tutte le funzioni principali, come il livello di carica della batteria e l’autonomia, ed è compatibile con Android Auto ed Apple Carplay, anche in modalità wireless. Per le impostazioni di uso più frequente, come la regolazione del climatizzatore e lo sbrinamento, è invece a disposizione una fila di tasti fisici. La navigazione, affidata a TomTom, è precisa e mostra anche le indicazioni sul traffico in tempo reale, grazie alla connettività 4G integrata.

Il bagagliaio si rivela sufficientemente spazioso: con i sedili posteriori in posizione offre un volume pari a 352 litri mentre abbattendoli entrambi, sono in configurazione 60+40, la capacità arriva fino a 1.268 litri.

La prima guida

L'elevata rigidità torsionale, l’efficace sistema di riduzione del rumore e i sedili ergonomici contribuiscono a fornire un elevato livello di comfort durante la guida. Lo sterzo si è rivelato preciso senza mai diventare troppo leggero, e la frenata risulta estremamente fluida, nonostante il sistema di recupero dell'energia in decelerazione. Sono disponibili tre modalità di guida, Standard, Eco e Sport, che intervengono sulla coppia e la potenza massima disponibili, oltre a modificare ciò che viene visualizzato sul cruscotto e sull'assorbimento dell'aria condizionata. È disponibile anche una modalità di massimo recupero dell’energia che permette sostanzialmente l’utilizzo di un solo pedale, però rende a volte la decelerazione un po’ troppo brusca. Ottimo l’head-up display in alta risoluzione che mostra, oltre alle informazioni relative al percorso, anche le funzionalità di assistenza alla guida attive mentre il sistema di riconoscimento vocale (Hey opel) consente di tenere sempre le mani fisse al volante e gli occhi sulla strada.

I sistemi di assistenza alla guida

La nuova Astra Elettrica dispone di numerosi sistemi ADAS, tra cui il cruise control adattivo con funzione Stop & Go,il sistema di mantenimento della corsia, quello di rilevamento stanchezza, l’allerta incidente con frenata automatica di emergenza e rilevamento pedoni, il park pilot anteriore e posteriore e la videocamera Intelli-Vision con visuale a 360 gradi. Chi cerca qualcosa di ancor più evoluto, per la prima volta può scegliere come optional il sistema Intelli-Drive 2.0 che consente un cambio corsia semiautomatico e l'adattamento intelligente della velocità. Se la corsia di destinazione è libera, l'assistente vi condurrà l’auto tramite leggeri input allo sterzo. Inoltre, l’adattamento intelligente della velocità assicura che questa venga adattata ai limiti grazie al riconoscimento automatico dei segnali stradali.

Il prezzo è ancora sconosciuto

La nuova Opel Astra Electric sarà presto ordinabile anche nel in Italia con le prime consegne previste in autunno. Non sono ancora noti eventuali allestimenti né il prezzo ufficiale ma, chi volesse farsi un’idea, sappia che in Germania viene offerta con 7.000 euro d’anticipo e un contributo mensile di 399 euro.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi

Auto, copertina del meseAuto, copertina del meseAuto, copertina del mese