Porsche arriva in soccorso dei propri dipendenti a lungo termine. La pandemia globale getta un'ombra sul futuro di tanti lavoratori: ma la Casa tedesca ha deciso di varare un piano aziendale che esclude la cassa integrazione obbligatoria per circa 22.000 dipendenti fino al 2030.

LA SITUAZIONE FINANZIARIA

Ad affermarlo sono i media tedeschi, i quali individuano la motivazione nell'attuale situazione economica del marchio di Stoccarda, florida grazie anche al report del fatturato gennaio-settembre 2020: in questo lasso di tempo, infatti, nonostante il Coronavirus, Porsche ha registrato un risultato operativo di 2 miliardi di euro e un ritorno sulle vendite del 10,4%.

La gamma Porsche: consulta il listino completo di Auto!

ELETTRICO, AVANTI TUTTA

La situazione economica positiva ha inoltre consentito al brand di avviare nuovi investimenti nella sede di Zuffenhausen per una seconda serie 100% elettrica: la riceerca dell'erede della Taycan è già partita.