Un sogno sempre più vicino, una realtà che merita rispetto. Il nuovo numero di AUTO da oggi, venerdì 15 maggio, in edicola vive su questo binario parallelo. Doveroso, obbligato, in un periodo delicato come quello che stiamo continuando a vivere. Da una parte, la bellissima esclusiva, il mestiere preferito del nostro magazine, sulle forme e l’identità del nuovo Suv Ferrari ormai in dirittura d’arrivo. Dall’altra, un manifesto, anzi, il manifesto a difesa del comparto automotive che noi di AUTO abbiamo deciso di dedicare ad una filiera che dà lavoro a oltre un milione di persone, porta 80 miliardi di tasse (solo di IVA) ma che staziona evidentemente all’ultimo posto dei pensieri di questo Governo al quale l’auto, proprio simpatica, non deve stare.

Case Auto, grido di dolore: "Il Governo faccia in fretta"

Uno speciale “ripartenza” di 16 pagine, extra, ma interno al giornale e che potete leggere anche qui sul sito nella nostra sezione #Ripartiamo, nel quale potrete trovare tutte le istanze e le proposte portate all’attenzione dell’Esecutivo. Speciale che è il preludio di un’iniziativo molto più ampia che coinvolgerà tutte le testate del gruppo - “AutomotiveLab” - per sfociare quanto prima in un convegno rigorosamente digitale e in altre sorprese al momento non raccontabili.

Tornando al sogno, Alberto Sabbatini con l’aiuto delle elaborazioni grafiche di Lorenzo Preti ha confezionato l’ipotesi più vicina alla realtà, oggi possibile, di come sta nascendo la macchina a ruote alte del Cavallino. Tipologia di vettura sdoganata ai tempi di Marchionne, dopo che la condanna filosofica al genere del fondatore Enzo aveva impedito qualsiasi sforzo in quella direzione da parte dei geni di stile e meccanica di Maranello. Un’esclusiva tutta da leggere e guardare.

Ferrari, due novità in arrivo nel 2020

Ma questo numero è davvero ricco di temi e di storie. Da quella dei primi 40 anni della trazione quattro di Audi, all’evoluzione stilistica e motoristica delle fantastiche hypercar, fino all’intervista-“confessione” del numero 1 del design del Gruppo BMW, van Hooydonk.

Passando alle novità, che anche in questo numero abbiamo catalogato come “primo test”, anche non avendo potuto provarle direttamente, spicca la Toyota Yaris Cross, il baby Suv giapponese su base Yaris che arriverà il prossimo anno ma già ha iniziato a stupire per forme e caratteristiche tecniche. Di seguito le info su Volvo XC40 Recharge T5, Audi A4 Sedan, Volkswagen T-Roc cabriolet.

Il tuffo green, nel nostro settore e-mobility, è garantito dalle prove di Mini elettrica (questa effettuata davvero), Renault Twingo elettrica e Mercedes eVito Tourer ma anche dall’approfondimento dedicato all’idrogeno, alle sue potenzialità e ai modelli sul mercato. Attivo come sempre, nonostante le difficoltà del momento il nostro Centro Prove che ha messo a dura prova Jaguar F-Type R AWD Coupé, Audi S6 Avant TDI 3.0 quattro tiptronic, Volvo XC60 B5 AWD Geartronic Inscription e infine il Ford Range Raptor.

Volata finale con il Motor Club che apre con una fantastica finestra su Miataland, la casa della più ampia collezione di Mazda MX-5 al mondo che ha sede vicino a Todi, prosegue con il viaggio concluso da Savona a Capo Nord (quasi) a bordo di una Renault 4 e con la rubrica forever young dedicata alla Citroën AX Sport. Infine il tuning, aperto dai primi “interventi” mirati di ABT sulla nuova VW Golf GTI; le gomme con le ultime su Goodyear, Falken e Pirelli e l’usato dove parliamo dell’Audi TT.

Per sognare si deve continuare a sognare, ma con rispetto.