La voglia di ricominciare, la necessità di confrontarsi con una realtà ancora complicata. In un Paese che stenta a ripartire, l’auto può tranquillamente essere il simbolo più evidente di questo disagio. Ad un mese di distanza dal manifesto pubblicato sul numero di giugno di AUTO, insieme allo speciale dedicato all’automotive per la dignità e il rispetto che un comparto come questo meriterebbe, siamo ancora fermi al palo. Solo qualche segnale, tante parole, ma ancora nulla, mentre tutta la filiera comincia a dare segni di cedimento.

Così, sul numero di AUTO in edicola, abbiamo scelto di continuare ad informarvi sulla vicenda ma con più leggerezza, aspettando che qualcosa di concreto davvero si muova. Ci siamo concentrati sul primo Convegno Digitale che realizzeremo il prossimo 18 giugno, stazione di arrivo di tutto il percorso avviato quasi tre mesi fa, tra quotidiani e il magazine del Gruppo.

E poi siamo tornati a parlare di quello che più ci piace: le macchine. A cominciare dalla nuova Mercedes GLA, la seconda generazione del Suv-crossover di Stoccarda, trasformata nelle dimensioni e nelle dotazioni tecnologiche. E quindi sempre più Suv anche se compatto. L’abbiamo guidata per la prima volta e vi raccontiamo com’è andata. 

L’altra anteprima di AUTO, davvero da non perdere è quella relativa ai futuri modelli di Maserati, pronta al rilancio. Dopo le indiscrezioni e la fantastica ricostruzione del Suv Ferrari dell’ultimo numero, stavolta infatti, la premiata ditta Sabbatini-Preti ha messo le mani su forme e contenuti della nuova MC20, la super Maserati. L’antipasto del pacchetto dei modelli che arriveranno nei prossimi tre anni tra Suv compatto, maxi-Suv, GranTurismo e l’elettrico, senza dimenticare la Ghibli ibrida.

Le emozioni continuano con lo splendido servizio sul fenomeno Restomod, cioè il restauro di auto d’epoca tramite l’applicazione delle tecnologie moderne. Ne abbiamo raccontati e descritti quattro. Autentici capolavori. Interessante anche l’intervista a Rossella Guasco, la signora del colore del Gruppo FCA, responsabile per l’EMEA di colori e materiali.

Entrando nel regno dei test, oltre alla GLA, trovate in evidenza la Seat Leon, con le sue belle forme e la sua immancabile sostanza. Apripista degli altri modelli analizzati e cioè: BMW Serie 5, SsangYong Tivoli, Lancia Ypsilon Hybrid, Mini Countryman, BMW Serie 4 Coupé, Lexus LC Convertible, Alfa Romeo Stelvio e Giulia Quadrifoglio.  L’inchiesta di questo numero è dedicata ai limiti di velocità e alle relative sanzioni.

Mentre la sezione e-mobility si concentra sul lancio definitivo della Volkswagen ID.3, finalmente ordinabile per tutti. Il Direttore operativo di Kia Europe, Emilio Herrera, ci racconta il futuro elettrico del brand coreano. Mentre il nostro Centro Prove apre, come sempre, i suoi approfonditi test con un’elettrica, su questo numero la Mercedes EQC, per poi dedicarsi alla nuova VW Golf, alla BMW M235i Gran Coupé e all’Alfa Romeo Stelvio Veloce.

In Motorclub, da leggere l’avventura in Namibia con il nuovo Land Rover Defender 110, la creazione combinata Italdesign-Nissan per la GT-R 50, il rilancio del Drive-in, la passione di forever young per la Porsche 944, il tuning di Techart sulla Porsche 911, le proposte di Goodyear sugli pneumatici e l’usato dedicato all’Alfa Romeo Giulietta.

Insomma, c’è da leggere.

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto