Il cambiamento, come dice qualcuno, è una porta che si apre dall’interno: non è detto porti alla crescita, ma senza cambiamento non ci sarà mai crescita. Una dimensione perfetta per le attuali esigenze del mondo dell’auto che grazie al cambiamento sta cercando di rinnovare la sua essenza. L’esempio tipico è la macchina in copertina sul numero di Auto, da l 14  novembre in edicola: l’Audi Q5. La seconda generazione della best-seller di Ingolstadt è stata rivista e corretta sia dal punto di vista estetico che da quello tecnologico, senza dimenticare l’introduzione del mild hybrid. Ed è pronta a continuare nella sua evoluzione.

Ma il cambiamento è un po’ il fil rouge di tutto il magazine di questo mese. Perchè è cambiamento la Fiat 500 elettrica in versione 3+1 con quella porta in più che farà la differenza; è cambiamento la Polestar 2 - futura rivale di Tesla - e ancora di più lo è la Citroën Ami, baby elettrica per tutte le età. Due modelli, talmente distanti eppure cosi rappresentativi di questa fase di transizione energetica verso una mobilità più sostenibile, che abbiamo voluto sottrarle al rito dei primi test per evidenziarne il potenziale rivoluzionario. Infine, cambiamento, è il design di questa era elettrificata, che riporta le forme alla loro purezza stilistica. Codici, che anche i modelli del futuro in casa Alfa Romeo rispetteranno necessariamente, come evidenziato nel servizio all’interno.

E, a proposito di forme, entrando proprio nel mondo primi test, colpiscono quelle della McLaren 765LT, un capolavoro da pista quanto mostro di potenza. Sempre in tema di design e forme, da applausi quella della nuova BMW Serie 4 che anticipa sulle versioni M quello che sarà il nuovo corso stilistico della Casa di Monaco. A completare la sezione dei primi test, la Maserati Ghibli Trofeo col V8 da 580 cv, Hyundai i20, Kia Sorento e un’ampia panoramica degli ultimi modelli: da Toyota Hilux a Hyundai i30 mild hybrid; da Seat Ateca a gas a Kia Stonic GT Line, per finire a DS7 Crossback E-Tense e Toyota Yaris Gr.

L’inchiesta sui costi della manutenzione dell’auto ci separa dalla sezione e-mobility, dove il focus del mese è sulle batterie delle macchine elettriche, tra tipologie, funzionamento e miglior utilizzo/ricarica. Tornando alle automobili, è importante la prima uscita di Luca De Meo come Ceo di Renault, nella quale ha presentato l’eVision, il Suv elettrico che verrà e soprattutto la Dacia Spring, la prima elettrica del marchio low cost del Gruppo francese. La protagonista della prova approfondita delle auto a zero emissioni e Honda e, innovativo modello made in Japan che vi stupirà per originalità e funzionalità.

Rimanendo nel centro prove, versante auto tradizionali, da leggere il confronto tra Alpine A110 S e Toyota Supra e infine il divertimento alla guida di Toyota Yaris Gr, versione cattiva del “piccolo genio”.

La sezione Motor Club apre con la versione wrappata da Garage Italia in perfetto stile Halloween della Peugeot 208 elettrica che avevamo preparato per il MiMo di Milano (saltato causa Covid) per poi lasciare spazio alla storia di un giovane pilota di talento, Francesco Fenici. Forever young si dedica alla Nissan Silvia Varietta, mentre la Tuning Parade entusiasma con la BMW M8 Competition rivista e corretta da AC Schnitzer.

Per chiudere, il nostro Test Driving Experiences sullo pneumatico Hankook I*CEPT evo2, le info sul cambio gomme invernali e l’usato con la Mazda3 come protagonista.