Range Rover Hybrid e Range Rover Sport Hybrid, ecco le due regine “eco” di Land Rover. La Casa inglese ha iniziato la produzione dei due grandi (e lussuosi) SUV, ordinabili in Gran Bretagna dal 10 settembre, ma di fatto disponibili sul mercato a partire dai primi mesi del 2014. Saranno al Salone di Francoforte. Il Land Rover credono molto nell’accoppiata diesel-elettrico per i modelli ibridi di questa stazza. Tanto che per far vedere al mondo le qualità di efficacia e rendimento delle Range Hybrid è stato organizzato un raid Inghilterra-India. Dalla casa madre, a Solihull nella contea delle West Midlands, fino a Mumbai in India. Ovvero la “casa” del gruppo, la sede di Tata, owner (proprietaria) di Land Rover e Jaguar. Una specie di nuova via della seta (si chiama infatti “Silk Trial") che ricalcherà il mitico percorso per ben 16.000 km e dodici nazioni. Una bella prova, non c’è che dire. L’accoppiata ibrida di motori della Range Rover Hybrid e della Range Rover Sport Hybrid è composta dal turbodiesel 3.0 SDV6 e un propulsore elettrico che eroga 48 cavalli e 170 Nm, posto nel cambio automatico ZF a otto rapporti. L’accoppiata permette di una potenza complessiva di 340 cavalli con coppia massima di 700 Nm. Che permette alle Range, nonostante i quasi 2500 kg di peso di toccare i 225 km/h con la Sport (218 con la Range Rover) di accelerare da 0 a 100 km/h in 6”7 (6”9) e di percorrere mediamente 15,6 km/litro (consumo di 6,4 litri per 100 km). Questi giganti hanno tre modalità di guida e in quella al 100% elettrica arrivano a 48 km/h per circa un miglio (1,6 km). Contenere i pesi non è stato facile. Il pacco batterie agli ioni di litio è posto sotto il piano dell'abitacolo, l'inverter e il motore elettrico, che funge funziona anche da generatore, con il recupero dell'energia in decelerazione, pesano circa 120 kg. Il tutto permette di usufruire di Range Rover e Range Rover Sport, ibride, ma ospitali e capaci quanto le versioni benzina e diesel.