Volkswagen I.D. R Pikes Peak, l'elettrica per scalare il cielo

Due motori elettrici per una potenza complessiva di 680 cavalli: l'obiettivo è battere il record di categorie alla storica cronoscalata statunitense

di Francesco Colla

23 aprile 2018

Dopo i modelli di serie l'onda elettrica sta lambendo anche il motorsport. Oltre alla ben nota FormulaE, beninteso. Vedi Jaguar con la versione da competizione del'I-Pace, Audi con il prototipo e-tron Vision Gran Turismo, Seat, o per meglio dire Cupra, con la E-Racer. Tuttavia i prototipi sopracitati non sono ancora impegnati in gare, a differenza della Volkswagen I.D. R Pikes Peak, hypercar elettrica pronta a battere il record di categoria nella celebre cronoscalata statunitense, che si corre il 24 giugno.

Volkswagen I.D. R Pikes Peak, super elettrica

Volkswagen I.D. R Pikes Peak, super elettrica

Volkswagen torna a correre la Pikes Peak, la storica cronoscalata statunitense, ancora con un prototipo con due motori. Diversamente dalla Golf Twin-Engine degli anni Ottanta, però, la I.D. R Pikes Peak ricorre a due unità elettriche, per 680 cavalli che non risentiranno affatto dell'altitudine. Romain Dumas al volante, il tempo da battere è di 8'57"118, stabilito nel 2016. Volkswagen I.D. R Pikes Peak scatta da zero a cento più veloce di una monoposto di Formula 1

Guarda la gallery

Una “corsa verso le nuvole” con partenza a 2.862 metri di altitudine e traguardo dopo 156 curve e 20 km di tracciato, raggiungendo quota 4.302 metri. Per tentare l'impresa, Volkswagen ha realizzato una vettura caratterizzata da un'aerodinamica che ricorda quelle dei prototipi Lmp1 di Le Mans, equipaggiata con due motori, proprio come la mitica Golf che partecipò alle edizioni di metà anni '80. Solo che stavolta i propulsori sono elettrici, per una potenza complessiva di 680 cavalli e una coppia di 650 Nm. Per spingere una vettura lunga 5,2 metri per un'altezza ridotta a 1,2 m, con un peso complessivo di 1.100 kg pilota incluso. Trattandosi di una cronoscalata la velocità massima, limitata a 240 km/h non è un dato molto rilevante, al contrario dello scatto 0-100, decisamente impressionante: 2,25 secondi. Meglio di una Formula 1.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi