Non solo concept di un possibile prodotto futuro ma anche ricerca tecnica sull’elettrico. Nissan presenta uno schema di elettrico quattro ruote motrici. Una Leaf e+, con batteria da 62 kWh, fa da “dimostratore” di una soluzione destinata ai futuri modelli Nissan.

Andrà presto su un nuovo modello, anticipa il vicepresidente Ricerca e ingegnerizzazione avanzata, Asami. Ad esempio, proprio su quel Nissan Ariya Concept che, dal Salone di Tokyo, prefigura un suv compatto, possibile espansione della gamma a batterie del marchio.

EM57 è la sigla dei due motogeneratori, di tipo sincrono, installati su ciascun asse. Due motori di Leaf, quindi, per una potenza di sistema pari a 308 cavalli e 680 Nm, valori leggermente superiori ai dati standard di un singolo MGU, come adottato dalla Leaf (150 cavalli e 320 Nm).

Leggi anche: Nissan Ariya Concept, prove di Qashqai elettrico

Adottare le quattro ruote motrici consente a Nissan, ancor prima di una trazione superiore sui fondi a bassa aderenza, di personalizzare la gestione della dinamica di marcia, oltre gli interventi sul telaio, operando direttalemte sulla coppia erogata su ciascuna ruota.

Quel che riescono a fare i controlli dell’elettronica abbinati alle caratteristiche dei motori elettrici è un torque vectoring finissimo. Ogni singola ruota può trasmettere una differente quota di coppia in accelerazione e in percorrenza di curva, con vantaggi evidenti sulla prestazione e la regolarità di marcia.

FRENATA RIGENERATIVA AD ASSETTO PIATTO

Sommando il recupero energetico dal motore posteriore, inoltre, all’azione del motore anteriore, Nissan assicura una diminuzione dei trasferimenti di carico, il beccheggio tipico di una frenata (l’affondamento del muso), quindi un comfort e regolarità di guida superiore.

Agendo con la frenata ritagliata su ogni singola ruota migliorano le caratteristiche di guida in curva, con l’obiettivo di sviluppare un sistema elettrico All Wheel Control dalle prestazioni marcatamente sportive, per accelerazione, frenata e percorrenza in curva.

Il prototipo sfoggia un rinnovamento dell’abitacolo incentrato sul tablet da 12,3 pollici (già parte della configurazione di Nissan Ariya Concept), dal quale il guidatore ha costante la rappresentazione di quanta coppia viene erogata su ciascuna ruota.