Quella che al momento è una bozza, accompagnata da uno studio di fattibilità nel quale è contemplata anche l’incidenza del trasporto su gomma, potrebbe svilupparsi in un obiettivo di taglio delle emissioni inquinanti di Co2 altamente sfidante, ancor più di quanto deliberato, per il settore automotbilistico.

A rilanciare l’esistenza del documento, che vorrebbe ridurre le emissioni nette di gas serra in Europa entro il 2030 del -50% sui valori medi rilevati nel 2021, sono le agenzie di stampa.

Incentivi: UNRAE, rifinanziare la fascia 91-110 g/km di CO2

Dimezzamento nel 2030, azzeramento nel 2050

Reuters e DPA indicano il piano ambizioso quale passaggio in chiave azzeramento delle emissioni inquinanti entro il 2050, ottenibile attraverso una produzione industriale green e con l’attuazione di misure si assorbimento dei gas serra prodotti: compensazioni con effetti sulla riforestazione o l’impiego di tecnologie per bilanciare i gas climalteranti.

Industria auto, i tagli richiesti e in vigore

La sfida per il settore automobilistico è di per sé massima con i limiti definiti a fine 2018, ovvero, la riduzione del 37,5% delle emissioni di Co2 dei veicoli passeggeri entro il 2030 rispetto al dato medio rilevato nel 2021. Quel target venne criticato nella sua fattibilità e, per le condizioni del mercato, nel realismo dell’obiettivo dall’associazione dei costruttori europei, l’Acea.

Una posizione di nuovo attuale nelle dichiarazioni dell’assocostruttori auto tedesca, la VDA, rese all’agenzia DPA a commento della possibile revisione alla quale lavorano le istituzioni europee: gli attuali limiti alle emissioni di Co2 e il taglio già deliberato restano di per sé molto ambiziosi per l’industria.

Secondo le indiscrezioni di stampa, rilanciate sulla base del documento visionato dalla Reuters, nel quale si punta al taglio delle emissioni nette di gas serra nel Vecchio Continente del 55% rispetto ai dati del 1990 – anziché del 40% - già nel corso di questa settimana dovrebbe essere presentata la nuova proposta, che potrebbe confermare quanto sfuggito dalla bozza o rivedere i tagli percentuali.

Top 10 Ecobonus 2020: le ibride ed elettriche più convenienti